A portata di mare.

196

A portata di mare.


Fermo. 71% di acqua. Siamo seduti ai limiti di una stanza dalle pareti offuscate. Credo che ognuno, almeno una volta, si sia sentito di vetro. Un giorno, arriva il giorno, ti vedi colorato, ricordi che alla fine non puoi perderti in una collina. Prendi la bicicletta, la macchina, il treno, l’aereo. La vedi? Quella macchia grinzosa che si muove, sembra una danza la sua. Lo senti? Quell’odore di paura che da piccola avevi del fondale. L’attimo in cui sei adesso non tornerà. Corri! Come si corre quando ci si trova sotto un temporale, non trovi buffo come a volte si scappi dalla stessa cosa che un tempo si amava rincorrere?.

Astratto, sei astratto. Ok sono arrivata. Poche cose hanno quel colore, quasi nessuna delle poche.

Sento i gabbiani da lontano, gabbiani, ripeti, sono i cani di Poseidone, ancora, gabbiani, sono i cani di Poseidone. Tutto bellissimo. La sabbia fagocita piano i piedi, morbida, da tanto non la sentivo. Hai mai parlato al mare? Ti sbagli non è da pazzi, i pazzi fanno cose pazze, definisci pazzia quella cosa che proprio non capisci. E’ pazzo pure credere di pensare pazzie. Il mare amico, è sincero, i marinai lo sanno bene, chiediglielo quando ne incontri uno, ha un carattere difficile, il mare, quasi quanto la vita di un marinaio, d’altronde, entrambi fanno spesso l’amore con la luna.

E poi ci sono le sirene, esistono, perché scuoti la testa? Non ci credi? Neanche io ci credevo, colpa dei palazzi.

Non dirmi che non hai mai dato un bacio al mare? Dovresti, scrivilo sulla tua lista della vita, se lo hai già fatto, beh, riscrivilo. Penso che le conchiglie siano delle bellissime orecchie, sono tante lo so, ci sono molte storie da conservare, te le raccontano se glielo chiedi dolcemente, desta loro molta attenzione però, parlano a bassa voce. I tramonti sono davvero belli, non uso parole per descriverti l’impronunciabile cura. Prendi la macchina, raggiungi il mare e siediti a guardarne uno. Ogni tanto ci vedo delle barche, infinita la voglia di un finale aperto.


A portata di mare.