Altrove

27

Eravamo stati a vedere in un posto che ci avevano indicato. Avevano detto che lì potevamo trovare quello che ci interessava, acqua cibo e fonti di sussistenza per poter vivere in maniere dignitosa. Eravamo in quattro Io mia moglie e i nostri due figli.Io ero molto diffidente, le informazioni erano spesso stronzate o erano truffe per levarti i pochi soldi che avevi.Mia moglie era molto bella, giovane, piena di speranze anche se le cose non andavano bene!Mi disse:

“Dai proviamo può essere un informazione vera al massimo torniamo nella nostra casa, non è un granché ma ci si vive”

Io risposi:

“Mah! A me sembrano tutte stronzate se la gente rimane qui ci sarà un motivo, poi i bambini sono piccoli non possono percorrere tanta strada.”

Lei disse:”Qui comunque non si campa ci rubano anche i soldi visto che fanno i prezzi come vogliono loro, scambiano una cosa per l’altra prima o poi ci levano anche la casa per le puttanate che dicono”

Lui:

“Questo è vero, fanno un po’ come gli pare ultimamente visto che non ci spostiamo mai, Sono ormai cinque anni che non ci spostiamo dalla nostra città, fra un po’ non ci rimane niente ci hanno prosciugato!”

Lei:

“Secondo me è fatto apposta dobbiamo rimanere sempre in città così ci levano tutto chissà dove ci seppelliscono quando moriamo, in una fossa comune?”

Lui:

“Va bè andiamo prima a dare una vista prendiamo la macchina mettiamo benzina e lasciamo i bambini a Carla la signora che ogni tanto ci aiuta in casa.”

Lei:

“Va bene si può fare! Andiamo a vedere!”

Prendemmo la macchina arrivammo al rifornimento, facemmo il pieno e partimmo per questo posto che ci avevano indicato dei nostri conoscenti.Era freddo la strada era lunga, pioveva, non ancora nevicava, la macchina correva lungo la strada, poche parole in macchina un po’ di musica dall’autoradio ,“shocking in my town, velvet underground” musica italiana rock che passano alla radio.Sei ore in macchina volevamo dormire affittammo un’albergo via internet per dormire un po’. Un albergo di merda con clientela ambigua qualche puttana al lavoro e il padrone un po’ incazzato.

Costava poco.Io chiesi:

“Quanto alla prossima città volevamo veder quello che c’era ci hanno detto che si vive un po’ meglio le case costano meno, e i prezzi sono migliori sa abbiamo due figli e da noi è diventata dura fanno un casino con i prezzi sembra prendere delle fregature tutti i giorni”

Il padrone rispose:

“Guardi fanno così dappertutto non si muova dalla sua città le garantisco che è uguale dappertutto lo so che è dura ma inculano come in tutti gli altri posti lì dove volete andare”

Parlai con mia moglie:

“Hai sentito sono tutte stronzate quelle che hanno detto quei due deficienti, poi mi sono i rotto i coglioni mi scoppia la testa!”

Lei:

“Va bene torniamo almeno abbiamo fatto un viaggetto in macchina mi ero rotta le palle di stare a badare i bambini grazie tesoro per il viaggetto Eh! Eh!.”

L’ altrove, sparito, il mondo era diventato tutto uguale stessi meccanismi stesse dinamiche stesse mode, non conveniva più muoversi, conoscere altra gente scambiarsi opinioni diverse un posto uguale all’altro, stessi prodotti anche droghe, cibo, sesso, internet e televisione tutto uguale dove sei già cioè la tua città!

Tante città, una città unica, funziona uguale dappertutto! Niente i due rimasero a farsi inculare i loro soldi anche duramente guadagnati ,l’unica speranza del marito era che ci morissero loro dei soldi che gli avevano prosciugato l’industria alimentare, dell’intrattenimento, della moda (aveva due bambini un maschio e una femmina alla moda e all’intrattenimento ci doveva pensare) così i due rimasero lì …