Autodesk e NASA: la nuova collaborazione che punta verso Marte

37

Autodesk e NASA hanno qualcosa in comune ormai. Con le multinazionali in competizione per lanciare la prima missione umana su Marte, è inevitabile che prima o poi si vedrà l’essere umano colonizzare il pianeta e renderlo un nuovo ed effettivo spazio abitativo.

Ma una volta che i primi pionieri saranno coraggiosamente giunti dove nessun umano è mai giunto prima, come faranno questi esploratori spaziali a costruire un posto da poter chiamare casa?

Ed è proprio qui che, a quanto pare, è in fase di sviluppo una collaborazione tra due importanti colossi al fine di risolvere il problema.

Autodesk e NASA si sono associati, infatti, per sviluppare tecniche di stampa 3D che potrebbero essere utilizzate in un futuro per stampare edifici dalla roccia e dalla polvere del pianeta marziano.

Autodesk e NASA: progetto, problematiche ed opportunità future

Uno dei problemi che ha riscontrato chi cerca di costruire nello spazio è che c’è un limite di peso sui materiali da costruzione, dato che lanciare qualsiasi cosa in orbita è incredibilmente costoso ed impegnativo. 

Per superare questi limiti, il team ha scelto di lavorare con regolite, un materiale composito fatto di rocce e polvere frantumate. C’è regolite sulla Terra, sulla Luna e su altri corpi planetari; inoltre, per rendere il materiale malleabile e stampabile, il team ha aggiunto plastica di scarto.

Autodesk e Nasa

Il primo artefatto che Autodesk e NASA hanno stampato utilizzando questo approccio è una barriera Jersey – barriere modulari che tipicamente sono composte in cemento o plastica – che spesso si usano per separare le corsie del traffico vicino alle zone di costruzione stradale.

Per resistere all’impatto dei possibili veicoli, le barriere Jersey devono essere resistenti e durature nel tempo, caratteristiche che sono auspicabili anche per le abitazioni umane.

Vuoi saperne di più sul progetto ambizioso di collaborazione tra Autodesk e Nasa che punta a mettere finalmente piede su Marte?

CONTINUA A LEGGERE…