Carnello cArte ad Arte

97

La Vincitrice del premio Carnello è una giovane studentessa universitaria di soli 23 anni. Laureata in “Pittura”con 110 e lode all’Accademia delle Belle Arti di Frosinone, con la sua opera “RENVERIENS”

Il giorno 13 Ottobre 2018 nell’Auditorium di Carnello, si è svolto il concorso internazionale di incisione.

“Quest’anno il premio ‘Carnello’ giunge alla sua quindicesima edizione. Una partecipazione numerosa ci dice che il ricambio generazionale ci conforta nel nostro lavoro perché vuol dire che soprattutto da punto di vista artistico il premio è molto seguito dagli addetti ai lavori “commenta visibilmente soddisfatto il presidente dell’Officina Della Cultura .

“Quest’anno a gareggiare 75 opere preselezionate, tra queste solo 30 andranno in finale, per poi scegliere le 3 opere vincitrici.

La vincitrice si chiama Alessia Bartoli, giovane studentessa universitaria di soli 23 anni, residente ora a Ceccano in provincia di Frosinone.

Alessia chiama la sua opera “RENVERIENS” formata da 9 lastre di dimensioni 10x10cm poste in modo da formare un quadrato di 32x32cm con tecnica Acquaforte .

Il secondo classificato è Raul Mariani con la sua opera “Asvobordzeni Prahy”, a seguire il terzo classificato Mauro Curlante con la sua opera “A Zero”.

Nella giuria troviamo Patrizia Di Sciullo (incisore-presidente di commissione), Gabriella Bocconi (Istituto Nazionale per la Grafica),Serena Pagnini(incisore), Marco D’Emilia (artista), Sandro Gemmiti (assessore della cultura del Comune Di Sora), Giuseppe Rea (Architetto e membro dell’Associazione Officina della Cultura).

Tutte le opere partecipanti all’esposizione resteranno di proprietà dell’Associazione Officina della Cultura ed andranno a costituire l’archivio delle stampe contemporanee di Carnello destinato grazie a questa rassegna ,ad arricchirsi di anno in anno di opere significative e  meritevole ,con il preciso intento di mettere a disposizione dei visitatori, studiosi e operatori del settore, la prima collezione di stampa d’arte contemporanea del basso Lazio.

Ora le opere rimarranno esposte al museo della Media Valle del Liri fino al 28 Ottobre .