che nervi

Sono appassionato di fotografia fin da piccolo, pur conscio di non possedere un grande talento.

Da bambino ero fissato con gli animali e ogni volta che andavo con i miei genitori in campagna o montagna, avevo un sesto senso per rilevare ogni gruppo di mucche o cavalli e mi lanciavo gioioso verso di loro per fotografarli. Utilizzavo macchine semiautomatiche perché altrimenti avrei temuto di non saper impostare tutti i parametri in maniera corretta. Diventato adolescente ho perso quell’interesse, pur mantenendo inalterato l’amore per gli animali. Semplicemente mi sono orientato su quelli di dimensioni più piccole, considerando che il salotto non è l’ambiente più adatto al pascolo di un equino o un bovino. Ho fotografato molte volte il nostro cane Ben che non guardava quasi mai verso l’obiettivo, non per una forma di snobismo, bensì perché sempre alle prese con qualche distrazione: un gioco o un pezzo di cibo, con la prevalenza di questa seconda ipotesi.

Nella nostra famiglia vige una simpatica consuetudine; a ogni compleanno scattiamo le foto di rito comprensive di torta alla frutta, fiori e bottiglia di spumante.

Scorrendole una dopo l’altra non posso fare a meno di notare che pur essendo un avido lettore non sono riuscito a diventare un novello Dorian Gray. Ebbene sì, anche io invecchio. I capelli ormai più sale che pepe ne sono l’impietosa testimonianza. Dal 2013 ho ceduto alla tentazione degli smartphone. Ciò fa di me tutt’altro che un fotografo, mi rendo conto, però in mezzo a tante foto di dubbia qualità ce n’è una che apprezzo ogni volta che la guardo. E’ stata scattata sulla passeggiata Anita Garibaldi di Nervi, nella città di Genova. A mio parere i meravigliosi colori del tramonto, uniti alle sagome scure di perfetti sconosciuti, creano un bell’effetto generale.

E voi, lettori di questa pagina, che ne pensate?

Che nervi!

Di Enrico Arlandini