Ti piace giocare?

A me sì!

Mi è venuta un’idea!

Balorda?

Può essere, ma mi entusiasmava così tanto, ché non potevo non pubblicarla…

Possiamo considerarlo un gioco o un esperimento. Non credo sia una sfida, anche se ogni apertura al diverso in un certo senso lo è.

Ecco, la premessa era necessaria, visto il gioco che propongo.

Squillo di trombe…

…o “Cavalcate delle valchirie”…

Vorrei capire se è possibile dimostrare l’esistenza di Dio!

Aaaaaaaaah! Oooooooooh! Uuuuuuuuuh!

Non voglio cercare di dimostrare l’esistenza di un annoso e grinzoso signore con la barba bianca che vive sopra le nuvole e che è imparentato con una qualsiasi chiesa o altra istituzione terrena.

Uso il termine Dio perché tu mi capisca, ma quello che mi domando è se sia possibile dimostrare che esiste un’entità invisibile – almeno a me e alla maggior parte di noi 😉 – che si occupa delle vicende terrene e degli abitanti di questo pianeta (se si occupi anche delle vicende di altri pianeti per il momento non mi interessa).

Certo non se ne occupa come molti di noi si aspetterebbero: permette che ci ammaliamo e che moriamo, permette la violenza e la morte di innocenti.

Esiste davvero allora? E se sì, perché permette il dolore?

È forse cattivo?

È distratto?

È limitato? Altro che onnipotente…

O è un Dio che ha perso il controllo della situazione?

O sta facendo di tutto per comunicare con noi, ma noi non lo stiamo a sentire?

O sta facendo di tutto per comunicare con noi, ma noi non lo stiamo a sentire?

O sta facendo di tutto per comunicare con noi, ma noi non lo stiamo a sentire?

Per partito preso? Per coerenza con una società malata di cui siamo vittime senza esserne neanche consapevoli? Per adesione ad un credo religioso che ci ha riempito di sensi di colpa e di regole che ci tolgono l’aria e la voglia di vivere? O per ribellione ad una religione e/o ad una chiesa che abbiamo identificato con Dio? Per paura di tradire il vecchio sistema nel quale ci sentiamo così sicuri, anche se tristi dentro, malati e incapaci di prendere in mano le redini della nostra vita? Per paura di dover ammetter con noi stessi che ci siamo sbagliati… che non era come credevamo o crediamo?

Insomma se fosse l’uomo a bloccare i tentativi di aiuto che Dio cercherebbe di mandarci? Perché incapace di ascoltare Dio… per un misto di arroganza, ignoranza e paura.

Tu vorresti provare a metterti in ascolto?

Consideralo come un gioco che potrebbe sconvolgere (in senso buono) la tua vita.

Cosa serve per giocare?

Assenza di fede in Dio?

Coraggio.

Umiltà.

Pazienza.

Curiosità.

Umiltà.

Pazienza.

Interesse.

Umiltà.

Pazienza.

Apertura mentale.

Umiltà.

Pazienza.

Sano scetticismo.

Umiltà.

Pazienza.

Senso critico.

Umiltà.

Pazienza.

Non devi fare uso – né averne fatto in passato – di marijuana o altre forme di fumo, droghe&C.

Insomma se ci sono umiltà e pazienza sul resto si può sorvolare. C’è ancora una cosa, l’ultima: la capacità di obbedire: a me per il momento… 😉 😉 😉 Paura? Sei libero di interrompere il gioco in qualsiasi momento.

Bene. Ci siamo. Se vuoi fare questo esperimento galattico (che altro attributo usare?!) scrivimi su FB in privato. O vuoi giocare a carte scoperte?

PS: Pochi hanno idea di quello che Dio può fare di una vita quando ci fidiamo completamente di Lui. Non lo sanno neanche molti di quelli che vanno a messa la domenica e identificano Dio con la chiesa. Se permetti a Dio di aiutarti a gestire la tua vita ti troverai senza aggettivi: assurdo, incredibile, improbabile, indescrivibile? No. Dio è oltre. Al di là di ogni possibile definizione. Ma la prima sorpresa è capire che Lui vuole proprio quello che tu hai sempre desiderato dal più profondo del tuo cuore, semplicemente perché è Lui ad aver seminato i desideri lì, prima del tempo, ma tu fino a oggi non lo sapevi 😉

Se hai ancora paura di Dio, non Lo conosci.

Se Dio è un argomento pesante, non Lo conosci.

Se credi che Dio ti chieda di sacrificarti per Lui, non Lo conosci.

Se c’é tanta tristezza nella tua vita e credi che sia la croce che tu devi portare per sempre, non Lo conosci.

È Dio che mi ha chiesto di proporre questo gioco?

Non lo so: talvolta è imperscrutabile!

Dio è fuori dagli schemi e dalle regole che ci hanno raccontato ed io vorrei che tu lo conoscessi: giochi?

4 COMMENTS

  1. Ho aperto una pagina FB “Ciao, ti presento Dio”. Di tanto in tanto (di settimana in settimana o di giorno in giorno o…) proporrò lì le mie (si fa per dire!) idee su come sperimentare l’esistenza, ma soprattutto l’azione di Dio nella nostra vita.
    Oggi ho pubblicato un primo post sulla necessità di imparare a fare silenzio interiore (meditazione o contemplazione).
    Ovviamente sono a disposizione per ogni domanda, dubbio o chiarimento.
    In bocca al lupo!