Come decidiamo per prendere le scelte?

185

Come decidiamo? Vi è mai capitato di passare dieci minuti davanti al menù del ristorante, indecisi se prendere un piatto di pasta o se dare retta alla coscienza che vi suggerisce un’ insalatina? L’ imbarazzo della scelta è un sentimento quotidiano, che si tratti del possibile partner o del lavoro.

Come si fa a non andare in tilt?

Nel mondo contemporaneo abbiamo accumulato un’ immensa quantità d’ informazioni utili per decidere. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi ci orientiamo con una logica naturale. In altre parole, scegliamo d’ istinto.

Le scelte migliori? Prese quando scappa la pipì.

Quando la vescica è piena le nostre scelte sono più sagge. Lo sostiene uno studio dell’ Università  Twente (Olanda) che ha studiato la relazione tra lo sforzo necessario per trattenere gli stimoli primari (fame, sete, urgenza di urinare) e la capacità di scegliere. Dalla ricerca emerge che trattenere questi stimoli, e in particolare quello della pipì, stimola l’autocontrollo. Senza autocontrollo, infatti, siamo spinti a decisioni impulsive, convenienti solo momentaneamente.

Come decidiamo? L’ esperimento dei dieci euro.

Il Professore Matteo Motterlini, nel suo volume Economia emotiva, fa un esempio. Ci troviamo in un negozio per acquistare un cellulare da 60 euro. Siamo alla cassa per pagare e un amico ci segnala che al negozio a fianco lo stesso costa 50euro. Con il 91,5% delle probabilità lasceremmo il cellulare da 60 per acquistare l’altro. Se il nostro acquisto fosse però un televisore da 1780 euro che nel negozio a fianco costa 1770; ci comporteremo allo stesso modo? Molto probabilmente NO. Gli stessi dieci euro sembrano valere meno in questo caso.

Mujer-pensando-en-sus-proyectos

Non saremmo nemmeno in grado di decidere quale marmellata acquistare al supermercato, se valutassimo razionalmente ciò che vediamo sullo scaffale, mille pensieri contraddittori ci renderebbero difficile il compito. Le nostre emozioni, invece, ci indirizzano inconsapevolmente verso il prodotto che provoca in noi il piacere maggiore. Riuscire a prendere in considerazione le proprie sensazioni, non è solo una dote necessaria, ma di vitale importanza. La capacità di sentire ciò che sta accadendo e di raccogliere e interpretare informazioni non oggettive.

Più si decide, minori sono le possibilità di sbagliare. E’ importante affrontare autonomamente le scelte. Imparate a scegliere.