Come la sinistra trattò Peppino Impastato quando era ancora vivo

L'ipocrisia della sinistra che lo elogia da morto ma lo avversava da vivo

54

Come la sinistra trattò Peppino Impastato? Il 9 maggio si è tenuta una doppia commemorazione. Ed immagino che, per cultura personale o bombardamento mediatico, sappiate a quali mi riferisco. Una relativa alla morte del Presidente della Democrazia cristiana Aldo Moro, ucciso dalle Br ma condannato di fatto a morte dai suoi stessi compagni di partito (in primis Andreotti e Cossiga) nonché dalla CIA.

L’altra relativa alla morte di Peppino Impastato, anch’egli ucciso il 9 maggio 1978 per mano della Mafia. Per il suo impegno sociale in quel di Cinisi e Terrasini con la sola forza di una piccola emittente radiofonica locale: Radio Aut e e di inchieste giornalistiche. Eppure così fastidiose per Gaetano Badalamenti (che lui ironicamente chiamava Tano Seduto).

Se però la Rai, dopo aver parlato del quarantennale dell’omicidio Moro per settimane (Blob per 3 mesi gli ha regalato uno spazio), ha poi spostato la serata commemorativa di un giorno in quanto il 9 maggio si doveva disputare la finale di Coppa Italia (ormai l’unico evento degno di nota rimasto alla rete pubblica per quanto concerne il calcio), con la stessa ipocrisia media e politica di sinistra si sono affannati nel ricordare Impastato. Ergendolo ad eroe anti-mafia da prendere ad esempio.

Dimenticando però come il Pci lo trattò da vivo, quando aveva bisogno del suo sostegno.

Volete sapere come la sinistra trattò Peppino Impastato?

CONTINUA A LEGGERE