Il cucchiaino nello spumante per salvare le bollicine

8

A chi non è capitato di sentirsi dire che il cucchiaino nello spumante aiuta a conservare le bollicine? Avete mai provato? Ha funzionato?

A dire la verità io ho provato diverse volte e quando ho preso la bottiglia dopo diversi giorni le bollicine pur non essendo completamente sparite non erano certo quelle tanto desiderate. Perché? Ho sbagliato qualche cosa oppure trattasi di una leggenda metropolitana?

La risposta interessa a molti anche perché non sempre si ha l’occasione di finire la bottiglia aperta. Anzi, a me capita di aprirla quando sono da solo e di volerne bere solo un bicchierino. D’altronde si tratta di bottiglie spesso costose come un buon prosecco o uno champagne. Non abbiamo quindi voglia di finirlo in una serata.

Da dove nasce la teoria del cucchiaino nello spumante?

Innanzitutto l’esperimento è molto semplice. Apri la tua bottiglia, bevi un bicchiere e poi inserisci un cucchiaio capovolto all’interno del collo e riposizioni tutto in frigo. La leggenda metropolitana è talmente diffusa che anche wikipedia vi ha dedicato una pagina.

Ma quindi il cucchiaino nel prosecco funziona oppure no? Assolutamente no. Diverse sono i test scientifici e non effettuati anche dal consorzio dello Champagne per dimostrare che cucchiaino di acciaio INOX o di argento non aiutano a mantenere le bollicine.

Ma se il cucchiaino nello spumante è una bufala allora che alternative abbiamo per preservare le tanto amate bollicine?

L’esperto di Champagne Tyson Stelzer  afferma che un metodo affidabile consiste nell’utilizzare un tappo per champagne che fornisca una chiusura ermetica e per mantenere la bottiglia il più fredda possibile.

Altri guru delle bollicine confermano che l’unico modo per mantenere le bollicine è richiudere la bottiglia in modo ermetico. Anche facendo così, però, la bottiglia perderà comunque progressivamente il suo contenuto di CO2. Questo perché l’anidride carbonica disciolta nello spumante invaderà lentamente lo spazio di bottiglia rimasto vuoto.

Sapete cosa ho fatto io l’ultima volta? Ho tagliato il tappo di sughero con un coltello in modo tale da riuscirlo a reinserire nella bottiglia. Questo è un modo semplice per conservare il prosecco qualche giorno in più ma non funzionerà se pensate di conservarlo per settimane. Ovviamente in commercio potrete comprare tappi più efficienti del metodo fai da te.

Quindi qual’è la conclusione sulla leggenda del cucchiaino nello spumante? Io finirei in questo modo. Se vuoi veramente conservare le bollicine del tuo champagne hai due opzioni:

  • te la bevi tutta subito
  • La chiudi con un tappo ermetico e te la bevi in pochi giorni.

Adesso mi è venuta voglia e vado a farmi un goccetto. Fateci sapere le vostre esperienze e smettetela di prendervi in giro con questa storia del cucchiaino.