Del etereo

Di quel etereo io vivo

Mentre la mia vita se ne

Va piano, portando con se

Sconfitte, lotte, tradimenti

Pianto che a goccia a goccia

Hanno lavato il mio viso, la mia

Anima. Oh, etereo che mi allontani

Dalla vita, da amori impossibili

Dalle passioni della carne, da desideri

Che mi hanno imprigionata dentro una

Gabbia doro ove il mio canto non

Poteva giungere al cielo. Oh, me misera

Che di quel amor non vero mi nutrivo

Assaporando il veleno piano, piano, della

Sua morte mi feci schiava. Oh cielo che del

dolce canto degli amanti ti fai terso mentre

un raggio di sole illumina quei cuori, tu non

hai potuto farti nitido per me, tu adombravi

l’anima mia in una dolce malinconia che

mi prendeva dentro facendosi sempre più

scura. Oh, etereo che ti impossessi di me

come ancora di salvezza salvi il mio povero

cuore..

 

@RomanaAnnaTonioli2017

Tutti i diritti riservati@