Dilyan Benev : Trasfigurazioni

95

Trasfigurazioni: Traduzione in lingua italiana: Irina Yordanova

Redattori: Annamaria Abbruzzetti, Presidente dell’Assiciazione Culturale Marchigiana “Voci Nostre”, Dottor Uberto Malizia, diplomatico

Una  originale geniale testimonianza di tante figure rappresentative dello scibile umano.

Il tutto sottolineato e permeato da una sottile ironia e dalla consapevolezza della più dura realtà.

La sostanza di questi preziosi frammenti è  un trattato di filosofia tecnica che si evince da una profonda meditazione della nostra vita.

Come pietre miliari di saggezza si stagliano i personaggi,ma tra le pragmatiche e purtroppo vere affermazioni, non mancano stralci di poesia perché il denominatore seppure nascosto anche nell’uomo-genio è il desiderio di essere amato al punto di poter considerare  una colomba come oggetto  ideale di corresponsione amorosa.

L’autore afferma che la vita è un’equazione con molte incognite ed il nostro destino è di non essere conosciuti se non si lasciano queste impronte di profonda saggezza.

Annamaria Abbruzzetti – Presidente dell’Associazione Culturale Marchigiana “Voci Nostre”

FRAMMENTI

La meccanica classica di Newton esiste solo 200 anni, ma lui rimane nella Storia della scienza. La “teoria dell’ottimismo”, che era stata creata per il nostro passaggio verso “il tempo nuovo” (il nuovo modo di vita) penso che possa anche essere eterna. “Essere eterna” solo teoricamente perché noi andiamo sempre all’ingiù e ancora non possiamo trovare il nostro posto nella Storia mondiale e continuare a creare la nostra propria storia.

Einstein non amava affatto essere noto e disprezzava la fama, ma ecco che il destino l’ha reso celebre. Ci sono tanti che non possono raggiungere questo suo modo di pensare e amano la celebrità, eppure rimangono disprezzati. 

Il movimento diretto delle cariche elettriche mi porta al pensiero del movimento diretto da quelli che stanno in basso che sono come elettrizzati a causa della loro posizione nella vita. 

La resistenza dei materiali alla corrente elettrica che ci passa attraverso é tanto poca come quantitá e grandezza in confronto alla resistenza totale contro ogni usurpatore – la rende forte la distruzione alla quale porta ogni schiavitù.

La lampada elettrica di Thomas Edison rende la gente indipendente – non dipende piú dalla luce del sole, ma siamo sempre dipendenti perché́ la più́ scarsa luce di una lampada ci rende visibili anche per i nemici.

Nikola Tesla ha amato molto una colomba. Anch’essa l’ha amato. Sono stati inseparabili. Che cosa vuol dire essere un genio?!… Ha fatto ricerche sugli esseri umani ma è stato tanto solo che non  l’amava un essere umano ma un uccello. Un uccello!!!

Nikola Tesla ha criticato gli scienziati che sono stati suoi contemporanei perché hanno sostituito gli esperimenti con la matematica e occupandosi solo di equazioni che hanno rotto il legame con la realtà. Ma povero Tesla! Come avresti criticato i giorni nostri con questa globalizzazione quando perdiamo sempre di più il legame con noi stessi!

I raggi micidiali di Tesla come un’arma di difesa sono stati distruttivi. Ma quanto di più sono micidiali le armi moderne che continuano a esser create e diffuse!

Tesla aveva detto che la vita é come un’equazione che non ha soluzione. Questa è proprio la giusta conclusione per la nostra vita: non si trova mai e per niente la soluzione come vincere il proprio egoismo e lasciare una traccia nell’avvenire.

La motrice con forza eterna di Nikola Tesla (quella elettrica) non é stata fatta perché la gente l’ha incolpato che usava magia. Questa bile ed imprevidenza sono quasi programmate ad uccidere sempre ogni scoperta.

Guglielmo Marconi (l’allievo di Tesla) ha ricevuto il premio “Nobel” per la fisica. Una cosa che mancava nella vita del suo Maestro… Può essere una casualità oppure una cosa assolutamente soggettiva, (come succede anche agli altri) a causa dei censori che sono sempre gli stessi e non lasciano il proprio posto.

Nonostante l’immaginazione fertile sia il vero segno dell’intelligenza – (disse Einstein) c’è abbastanza gente che è priva di immaginazione e di talento ma imparando a memoria molte cose può passare per colta. In questo modo ci sono persone che raggiungono posti importanti anche nel campo dell’Arte e della Scienza e ci rimangono al sommo per tutta la loro vita.

Il tempo passa piú velocemente se sei in alto e meno velocemente se ti trovi in basso: disse Einstein, peró lui non ha capito che se ti trovi al sommo del potere il tempo passa piú lentamente e questo é un vantaggio per la persona che ha raggiunto il culmine. Ma anche lei non puó liberarsi dalla paura che possa venire il tempo di crollare in basso.

Le regole della fisica e le scoperte in questo campo sono uguali per tutti. Non é cosí peró per le leggi nella societá che non sono uguali per tutti e sono vantaggio di quelli che sono in alto e le creano.

Il telefono creato da Alexander Bell é una vittoria della tecnica, ma adesso perfezionato esso é diventato cosí indispensabile che puó farci dimenticare la nostra natura umana e farci diventare “vuoti”.

Se leggete dell’evoluzione della terra dal punto di vista della geofisica potete pensare che dalla terra che ci dava il pane é stata resa terra che ci avvelena.

Noi, come una parte viva del nostro unico pianeta – la Terra, che é stata la terra anche dei nostri avi, siamo costretti a strisciare sulla sua superficie, mentre altri cercano di appropriarsi perfino del Cosmo.

Se alcune persone potessero teleportarsi da questa realtá e questo tempo il un’altra realtá e tempo – peccato! Perché loro non riusciranno in nessun modo cambiare la loro natura.

Gli elettromotori caricati di energia per essere usati dalla gente ci fanno fare la domanda perché la energia del pensiero (che porta al progresso) si sta perdendo sempre di piú e gli esseri umani si avvicinano alle bestie.

Secondo Heisenberg non é possibile che si sappia precisamente il posto e la velocitá di un corpuscolo… Sí. Peró se questo corpuscolo diventasse un uomo senza controllo? É assurdo di non essere trovato nonostante che possa cercare di muoversi e nascondersi velocemente. Perché si tratta di un uomo.

Quanto la forza é piú piccola tanto piú lunga é la strada fatta. Questo é molto giusto per quanto riguarda la strada della sapienza. Ma ci sono tanti deboli!

Ogni azione ha una pari contrazione. Peró esiste anche l’inattivitá apatica come una difesa.

Nella natura la energia si conserva – questa é una legge. Nella societá anche esiste energia, peró negativa che spinge tutti in un abisso sociale.

Pierre e Marie Curie – la straordinaria coppia che si occupava di fisica e che studiava la radioattivitá e ha avuto il Premio Nobel, sono stati una famiglia. Cosa peró possiamo dire delle famiglie di oggi – solo questo che si distruggono sempre piú spesso.

Come esiste la progressione geometrica, cosí cresce l’aggressione fra la gente sulla Penisola Balcanica.

Due linee parallele si toccano nell’infinito ma due governi simili che cercano solo di derubare la gente non si toccano mai!

Il parere di Cantor della liberta nella matematica come sua essenza é un po’ un’allusione alla libertá che ha spinto lo sviluppo della grande frode che certe volte scambiamo per la veritá.

L’armonia nella natura é manifestata pienamente nella matematica ma piú piene ancora sono l’armonia e la disarmonia delle lotte costanti dell’umanitá.

É provato che la matematica é la madre di tutte le scienze. Peró anche con essa non si puó calcolare l’amplitudine dell’assurditá in cui viviamo.

Il grandissimo specchio di Archimede ha concentrato cosí la luce del sole che bruciava la marina dei romani. Questo é stato uno specchio del castigo dove si rispecchiava la Roma stessa.

Se la matematica é la scienza delle cose palesi (l’ha detto Klein) pensiamo alla vita dove le cose nascoste sono la vera matematica nel procedimento del quotidiano.

Una cifra piú un’altra cifra fa una terza ma l’Oriente e l’Occidente possono essere uniti peró rimarranno sempre divisi in qualche modo – secondo un’altra matematica.

Se teniamo presente il paradosso di Fermi – che é tanto possibile che esista vita fuori il nostro pianeta é altretanto vero che non ci sono prove per questo, possiamo pensare ad un’altro paradosso – che é tanto possibile che si fermi il globale marcare e segnare di ogni cosa ma é altretanto assurdo che questo avvenga.

Il colonizzare di Marte sarebbe tanto caro e con tanti rischi che infatti é una cosa assurda ma la gente sulla terra lo vorrebbe molto – quello di colonizzare un’altro pianeta anche ad un prezzo assurdo!

La vita è un’equazione con molte incognite. E il nostro destino è di essere non conosciuti tranne poche persone celebri.

La Terra gira intorno al Sole e il sole ci dá luce e calore. E noi “giriamo” intorno ai Grandi perché ci “scaldassero” e dessero “luce” e bruciamo un po’ tutti quanti.

Nonostante che l’Universo sia infinito sulla Terra venga sempre la nostra fine, la morte; questo porta un nuovo inizio peró secondo i nostri peccati. C’é castigo!