Donna e uomo

Vogliamo che ci venga aperta la portiera e ci vengano regalati fiori, ma dall'altra parte vogliamo comandare e superare l'uomo sul posto di lavoro.

23

Sono una donna, non sono un uomo!! I pari diritti li dovrebbe avere tutta l’umanità, animali compresi!

Non voglio la parità dei sessi, siamo diversi.

I nostri figli sbattuti da una baby-sitter all’altra, da una nonna all’altra, lo stanno sentendo. Io ho deciso di non avere figli perché volevo la libertà di viaggiare, fare carriera e se un giorno deciderò di farne uno, farò la mamma. Tuttalpiù col part time. Ci sono donne che mettono al mondo figli per tenere legato il marito o per sentirsi “femmine”, poi vogliono lavorare per sentirsi anche uomini, non c’è più il culto della casa e della cena insieme con cellulari e tv spenta. I bambini sono sommersi da corsi di ogni genere e stanno perdendo ogni inventiva e abitudine alla solitudine. Fanno confusione coi ruoli in casa, e per farli stare buoni non vengono dati più i limiti, essenziali per crescere con meno paure e quindi meno rabbia, che porta anche al bullismo.

Vogliamo che ci venga aperta la portiera e ci vengano regalati fiori, ma dall’altra parte vogliamo comandare e superare l’uomo sul posto di lavoro.

Ci vestiamo con minigonne inguinali poi ci offendiamo per un fischio, credo siamo un pò confuse o vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca. Usiamo la nostra femminilità per far carriera ma vogliamo avere pari diritti, ma allora vai al lavoro in jeans e struccata!! Ridiamo autorevolezza ai padri, ridiamo importanza ai mariti, facciamogli trovare da mangiare e la camicia stirata, oppure, ognuno a vivere a casa propria. Eccellere in tutto è impossibile, poi si diventa acide e cattive, e mancanti da qualche parte, credo che chi ci rimette di più siano i figli, basta guardare la nuova generazione.

Non ci sono più punti di riferimento, madre, padre, moglie, marito, chi comanda, chi guadagna, chi educa.

Abbiamo voluto la parità, ma almeno che non ci rimettano i bambini!!! Occorre fare una scelta tra essere donna/madre ed essere “solo” donna, la responsabilità è molto diversa, da questa dipende il destino del mondo. Parla una che è cresciuta senza un padre. Ma con una Madre che ne è valsa due. E mi ha salvato la vita.

Donna e uomo – Di Chiara Domeniconi