Easy Listening. Una rassegna di link video. Cap. 2

106

Un’altra rassegna di indirizzi URL di video musicali, e non, di vari ed eterogenei argomenti, uniti ed accomunati da un tenue filo conduttore: la gradevolezza e la capacità di non suscitare noia (si spera).

di Paolo Nicoletti

Easy Listening, che ripetiamo fino alla nausea essere un genere di format radiofonico dedicato al gradevole e leggero intrattenimento: in questa breve carrellata di video, vedremo poche disparate cose assai diverse tra loro, sperando che i lettori possano averne il medesimo gradimento che ne ha avuto l‘autore della compilation che state per visionare.

Con rigorosa illogicità si parte con Brian Hyland https://www.youtube.com/watch?v=jcS8CJwHfqI nella performance di un suo grande successo, “Sealed with a Kiss“, riproposto ciclicamente nelle compilations di successi di Hyland, che è un artista  statunitense nato nel 1943 e, a quanto ci risulta, tutt’ora vivente, molto apprezzato nel mondo anglo-sassone e riproposto ciclicamente anche in anni successivi al 1962, anno in cui Sealed with a kiss ha raggiunto il terzo posto nelle classifiche musicali inglesi ed americane.

Si prosegue con  The Shadows https://www.youtube.com/watch?v=ZvIYaYvVImc&list=RDZvIYaYvVImc&t=142, che eseguono “Apache“, un successo del 1960 del gruppo rock degli Shadows, che ha letteralmente dominato la scena musicale inglese prima dell’arrivo dei Beatles. Basti pensare che The Shadows sono stati una filiazione di un gruppo precedente, ossia “Cliff  Richard & The Drifters“. Spesso le colonne sonore di maggior successo degli anni 60 sono state affidate all‘interpretazione degli Shadows.

Ed ecco “The Yardbirds” https://www.youtube.com/watch?v=pn6cxaKRwtk&list=RDpn6cxaKRwtk&t=5 in uno dei loro brani più apprezzati ed emblematici, “For Your Love”, un successone del 1965, rimasterizzato in compilation nel 1999: l’alto numero di visualizzazioni (11.630.115) può dare una misura di quanto ancora il gruppo musicale sia apprezzato in tutto il mondo. Gli Yardbirds sono stati un gruppo rock assai significativo, anche storicamente, perché dal gruppo musicale sono nati famosissimi chitarristi come Jimmy Page, Jeff Beck ed Eric Clapton. La loro musica è una incisiva fusione di vari stili musicali, tra cui lo stile psichedelico.

MILITARIA.

Andiamo avanti con la colonna sonora, il Main Theme di “Where Eagles Dare“,

https://www.youtube.com/watch?v=8XKGhG0W0LQ un film di guerra e spionaggio che è stato uno dei più grandi successi cinematografici del  1968, anche grazie alla sua rutilante e convincente colonna sonora, di Ron Goodwin. In Italia conosciamo il film con il titolo di “Dove osano le aquile“, che è anche il titolo di un best seller nonché uno dei migliori libri dell’indimenticato Alistair MacLean, autore di una lunga serie di fortunati libri di avventura e spionaggio dagli anni 50 in poi. Parte del  successo di Mac Lean è dovuto  al fatto che lo scrittore ha partecipato nella vita reale a contesti ed azioni analoghe a quanto descritto nei suoi libri, talvolta  firmati con lo pseudonimo di Ian Stuart. Il regista del film è stato Brian G. Hutton, apprezzato attore e regista anglo-sassone.

Ed ecco sempre “Where Eagles Dare “eseguito dalle “Coldstream Guards“, uno dei più antichi reggimenti del mondo, con una storia di più di 360 anni:

https://www.youtube.com/watch?v=TwcHl44SPBQ&list=RDTwcHl44SPBQ&t=2

Sentimental  Music

Per chiudere, qualcosa di romantico  ossia “Le foglie verdi d’estate“, “The Green leaves of summer”,

https://www.youtube.com/watch?v=3E8eM69WeGo&list=RD3E8eM69WeGo&t=4

una famosa colonna sonora (stranamente “Foglie Verdi d‘estate” è stata la colonna sonora di un cruento film di guerra, ossia “The Alamo“, del 1960, sui noti fatti della secessione del Texas dal contesto geografico e politico spagnolo e sui sanguinosi eventi bellici conseguenti) del grande compositore Dimitri Tiomkin, eseguita dall’impeccabile gruppo musicale ed artistico dei “The Brothers Four“, di cui consigliamo anche la visione ed ascolto del brano in indirizzo URL https://www.youtube.com/watch?v=BQnF5aRNQF4&list=RD3E8eM69WeGo&index=2 che infatti ci permette di concludere con una atmosfera di sano ottimismo: il brano comincia con queste testuali parole: Una volta c‘erano prati verdi baciati dal sole, una volta c‘erano vallate dove i fiumi erano soliti scorrere, una volta c‘erano celesti e malinconici cieli punteggiati di bianche nuvole…Ora i prati verdi sono spariti dalle vallate, dove i fiumi erano soliti scorrere impetuosi … sono spariti insieme al vento….dove sono finiti?…”.

Link a video ed indirizzi web di approfondimento degli argomenti di cui sopra:

https://it.wikipedia.org/wiki/Brian_Hyland, voce di Wikipedia su Brian Hiland, con notizie che permetteranno a chi lo volesse di procurarsi mp3 ed incisioni di Hyland, che tra l‘altro nel 2008 ha pubblicato una compilation natalizia assai apprezzata, “Blue Christmas”

https://www.youtube.com/watch?v=ZvIYaYvVImc&list=RDZvIYaYvVImc&t=142, compilation di hits degli anni 50 e 60, che inizia con “Apache“ degli Shadows

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Shadows, voce di Wikipedia su The Shadows, con utili notizie sulla discografia del gruppo e sulle metaformosi dei Drifters in Shadows nonché sui rapporti con il famoso Cliff Richard.

https://it.wikipedia.org/wiki/Dove_osano_le_aquile voce di Wikipedia su “Dove osano le Aquile“, con utili notizie sul film e con linkaggi a voci riguardanti  Alistair MacLean e Brian G. Hutton

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Yardbirds sul gruppo rock britannico “The Yardbirds“

https://it.wikipedia.org/wiki/Dimitri_Tiomkin sul compositore ucraino Dimitri Tiomkin, nato nel 1894 da un padre specializzato in chimica (e collaboratore del microbiologo tedesco Paul Ehrlich) ed una madre insegnante di pianoforte. Tiomkin ha firmato colonne sonore che hanno ottenuto il Premio Oscar  almeno  quattro volte.

https://it.wikipedia.org/wiki/The_Brothers_Four sul gruppo musicale dei  The Brothers  Four, noti per l‘esecuzione scintillante di vari brani musicali, soprattutto il sopra citato Greenfields del 1960. Un gruppo assai fortunato, sia per le non comuni capacità artistiche, sia per le conoscenze, tra le quali il manager del famoso pianista e compositore jazz Dave Brubeck