I cactus assorbono le radiazioni? Come stanno le cose

Si è evidenziata una notevole riduzione di stanchezza ed emicrania per gli impiegati che hanno lavorato consecutivamente per due anni nelle vicinanze di un Cactus.

1063

I cactus assorbono le radiazioni. Per questo amiamo metterli in casa o posizionarli vicino al nostro ufficio. Ma è vero?

Sempre più in voga la credenza secondo la quale cactus e piante grasse siano in grado di assorbire le radiazioni elettromagnetiche. Non vi è ormai ufficio nel quale qualche acuta mente abbia posto il cactus della salute accanto al monitor del proprio pc. Ancor oggi è possibile leggere su riviste, siti internet e pubblicità frasi del genere:

“I cactus sono piante del deserto, abituate a vivere sotto un sole fortissimo. Il fatto che vivano costantemente alla luce solare e siano quindi pesantemente bombardati dalle radiazioni ionizzanti provenienti dal sole, fa ipotizzare che queste piante assorbano bene le frequenze più alte delle radiazioni elettromagnetiche e di conseguenza proteggano egregiamente dall’elettro-smog di origine artificiale, presente nelle nostre abitazioni e nei nostri uffici. Collocarne uno vicino a ciascun apparecchio elettrico presente in casa servirà a ridurre l’inquinamento elettromagnetico…”

Ma è davvero così? I cactus assorbono le radiazioni.

Sul tema in realtà il dibattito è molto aperto. C’è infatti chi dice di si e chi invece é contrario.

Chi dice di si?

Il tutto parte da uno studio della NASA uscito negli anni ’80. Secondo questa ricerca si evidenziava una notevole riduzione di stanchezza ed emicrania per gli impiegati che avevano lavorato consecutivamente per due anni nelle vicinanze di un Cactus. In questo caso si parla del Cactus Cereus Peruvianus. Lo studio chiaramente era molto dettagliato. A quanto pare il cactus deve avere almeno 6 facce. L’assenza di una delle facce ridurrebbe i benefici di addirittura il 25%. La pianta, inoltre deve essere alta almeno 40cm.

CONTINUA A LEGGERE

I cactus assorbono le radiazioni, dunque, secondo la NASA. Anche se in molti sono gli scettici che parlano di bufala io direi che non ci costa nulla avere una pianta grassa in casa. Di sicuro non fa male.