Il colore riflesso nel blu

20

Il colore riflesso nel blu


Il mare mosso, prima in quiete, più colorato, poi improvvisamente trasparente, raggi di luce che hanno traforato questa tela pallida, schizzi di colore, nuvole increspate come pensieri assorti.

La chiamano Capri, i gabbiani navigatori sorvolano l’immensa moltitudine verde, camminando verso i giardini d’Augusto, la maestosità di ciò, un respiro profondo, come un grande paesaggio creato da Dio, forse un’onnipotente forza che governa nei cieli dispersi, ci regala cieli spumeggianti rosa.

E noi uomini dinanzi a tali doni, non sappiamo neanche apprezzare la nostra terra, la sua sinuosità, l’amore non condizionato, rimango esterrefatta alla visone di vari fenomeni atmosferici, e che forse più profondi di qualsiasi bei regali proposti dall’uomo.

Ebbene si, il viaggio del pellicano è iniziato in mandria e terminato da solo.


Il colore riflesso nel blu