IL MOSTRO – di Santina Scaglione

101

Prigioniera e schiava,
di un corpo ormai morto.

Occhi lucidi,
ossa sporgenti, mani fredde,
labbra viola.

Non mangiare,
mi diceva il mostro;
ed io lo ascoltavo.

La mia immagine allo specchio
riflette la sua ombra.

Si impossessa della mia vita,
si impadronisce di me.

Doloroso godimento
toccare la pelle, i vestiti vuoti.

Percepisco l’urlo sordo del dolore
espresso dai volti delle persone
che più amo.

Ho freddo.
Vorrei tanto dormire
per smettere di pensare.

Caduta nella polvere,
adesso mi sono rialzata
guardando la vita
dritta negli occhi,
lei era li che mi stava aspettando.

Previous articleMercoledì delle ceneri di Sebastiano Impalà
Next articleDONNA – di Maria Giovanna Bloise
BIOGRAFIA Scaglione Santina, sono nata a Patti, in provincia di Messina, il 24/01/1989. Aspirante scrittrice, poeta, racconti di fiabe. La mia ispirazione: scrivere tra il verde, nella quietudine. Ho trascorso la mia infanzia a San Piero Patti, a Urgeri, una piccola contrada del paese, all’aria aperta, nel verde delle montagne. Ho frequentato a San Piero Patti, l’asilo, le scuole elementari , e medie; a Patti mi sono diplomata in perito commerciale. Due mesi dopo del diploma, diventata titolare di un negozio di alimentari a Braidi, comune di Montalbano Elicona, (S. & F. ALIMENTARI), attivo ormai da otto anni. Nel 2014, mi sono sposata, trasferita a Librizzi, pochi chilometri dal paese natale. Nel 2004, ho scritto delle poesie e poi pubblicate nel Gennaio 2006, numero 16, nel giornale “CIVITAS, La voce di San Piero Patti, a cura dell’Associazione socio-culturale “UNA SCELTA PER IL TUO FUTURO”. Pubblicato il mio primo libro "LA FORZA DELLA VITA" a settembre 2016, dedicandolo alla mia famiglia , Papà Agostino, Mamma Franca, Sorellina Chiara, e a mio marito Fausto, che mi hanno sempre sostenuta, e dato la forza di vivere! Lo dedico anche a chi ha stima di me. A chi mi ritiene un'amica. A chi mi vuole bene. A chi di tanto in tanto mi pensa. A chi mi dà buoni consigli. A chi mi dà la forza, per andare avanti. A chi mi sopporta e mi accetta così come sono.