Jobs Act bocciato dalla Corte costituzionale. Paura per il Pd

74

Jobs Act bocciato dalla Corte costituzionale. Tra i primi provvedimenti dell’attuale Governo giallo-verde, oltre al contrasto all’immigrazione clandestina, c’è anche il superamento del Jobs Act voluto e sbandierato enormemente dal Governo Renzi. Certo, secondo diversi esperti, pseudo-tali e pennivendoli, con il decreto dignità voluto da Luigi Di Maio, si perderanno molti posti di lavoro in quanto i datori saranno poi costretti ad inserire a tempo indeterminato il dipendente. Mentre il Jobs Act impone un precariato a vita. E fa specie che questa obiezione provenga anche da quanti, specie a sinistra, sbandierano il posto fisso e la lotta alla precarietà.

Riguardo al Jobs Act, per valutarne l’impatto preciso ci vogliono studi specifici e fino ad ora non ne sono stati fatti molti: gli economisti, insomma, sono piuttosto divisi nel valutare l’effetto del Jobs Act.

Tra le critiche a un’interpretazione dei dati troppo favorevole al Jobs Act è stato fatto notare che, dalla fine delle decontribuzioni sui nuovi assunti, i posti di lavoro a tempo indeterminato hanno rallentato molto la loro crescita, e che parte dell’aumento del numero degli occupati viene dal ritardo nei pensionamenti imposto dalla riforma Fornero.

Per molti, comunque, il Jobs Act è stato un danno ai lavoratori. E ora si aggiunge pure la Corte costituzionale, che parla addirittura di parziale incostituzionale della legge.

Continuano dunque le brutte notizie per il Partito Democratico che non passa dei periodi rosei della sua storia. Come prenderanno questa ennesima delusione gli esponenti del partito? E che cosa ne pensano gli elettori? Sono tutte domande più che lecite.

Ecco, quindi, in quali parti il testo non é conforme alla Costituzione ed il perché il Jobs Act bocciato dalla Corte costituzionale.

Per prima cosa, l’indennizzo previsto da questa norma in caso di licenziamento sarebbe evidentemente incostituzionale. A renderlo noto è la stessa Consulta in un comunicato che anticipa la sentenza.

CONTINUA A LEGGERE