La collina… sognavamo il frutto della liberà …

67
collina

La collina – Poesia di Gianmario Marica


Torrida Atene a luglio,
cosparsa di aghi d’Aleppo.
Filopappo profuma la città lezza.

Pascione negate a uomini e donne,
tra le colonne di Efesto.
Sognavano il frutto della libertà.

Il metallo eterno non riflette il sole dentro la prigionia,
sofferenza del maestro del non sapere.
Massima pena per il tradimento e
e il martirio più grande.

Sulla tavola reale vedo carni di ogni razza,
alterati i sensi da mani sanguinanti.
Erano le mani del vicino a vestire le strane creature.

Si spengono gli sguardi e le balcaniche voci,
Non compro e così chiude il mercato del disprezzo.


La collina – Poesia di Gianmario Marica