La fiamma della vita

216

La fiamma della vita


La tua fiamma incancellabile,
nata piccola e incandescente,
pian piano si rafforza
e il suo color ti travolge.
Il fuoco, il fuoco vivo
un rosso bello ardente.
Così piccola… così innocua,
ma se la sfiori
lascia il segno.
Lentamente si ritira
e sprigiona tanto fumo.
Ecco, un soffio stravolgente
che ti manda l’Onnipotente.

Lucia Mennito

COMMENTO: La fiamma della vita

Ammirando una candela appena accesa, ho capito che essa era molto simile alla vita, che ognuno di noi ogni giorno si trova ad affrontare. Così ho deciso di scrivere questa poesia e ho trovato diverse e interessanti similitudini tra la vita e una semplice candela che ogni giorno, comunemente viene accesa. La fiamma, appena accesa, è molto piccola, proprio come un bébé appena nato. Con il passare del tempo, il bambino inizia a diventare sempre più grande, inizia a crescere.

Anche la fiamma si irrobustisce ed aumenta di volume, abbagliando con il suo colore così forte.

Crescendo, aumentano i timori, le insicurezze, le cose brutte, le ansie e, inevitabilmente, il ragazzo inizia ad affrontare i problemi della vita, i primi ostacoli, i primi fallimenti, le prime delusioni, facendolo chiudere in se stesso per poter riflettere e riprendere il fiato per poter continuare a testa alta, più forte di prima, per non arrendersi e per dimostrare di valere. Anche la fiamma inizia a chiudersi in se stessa, appena qualcuno prova a toccarla, si sente attaccata, minacciata e preferisce difendersi, rispondendo all’attacco ricevuto, bruciando il suo nemico. Trascorso il tempo, l’uomo inizia ad invecchiare e a soffrire per i dolori causati da essa. Così, anche la fiamma inizia a ritirarsi, ma, improvvisamente, viene colpita da un soffio così forte e potente da spegnerla.

L’uomo pian piano, a causa della malattia o, semplicemente, per l’età avanzata, chiude gli occhi, fa l’ultimo e coraggioso respiro e si abbandona ad un sonno profondo.


La fiamma della vita – Lucia Mennito