La vita ai tempi del Covid

50

La vita ai tempi del Covid.


Il 2020…..e pensare che abbiamo anche festeggiato con allegria il suo arrivo……eh si perché il 31/12/2019 noi giustamente mentre ballavamo e brindavamo al nuovo anno non potevamo sapere cosa ci avrebbe travolti di lì a poche settimane.
Nel mese di febbraio abbiamo assistito ad una catastrofe senza precedenti che ci ha stravolto la vita e coinvolto tutti, chi purtroppo direttamente contraendo questo virus tremendo e chi solo a livello psicologico, rendendo tutti più fragili perché, diciamo la verità, oggi non siamo più gli stessi.

Ricordo ancora l’aria profumata e calda di aprile, quando mi sedevo nel mio giardino all’ombra della grande magnolia che amo e scrivevo oppure semplicemente vivevo il momento.

Il tempo, la grande ossessione della nostra epoca, aveva assunto un nuovo significato e tutto sommato era piacevole; avevo tempo da dedicare anche alle piccole cose tipo scoprire la nascita di un nuovo fiore in un angolo del giardino che non osservavo da mesi, guardare lontano e vedere solo i campi seminati in lontananza, nessuna macchina e nessuno a passeggiare.
Ritrovare l’IO in modo così inaspettato e brutale è un passaggio molto difficile da gestire, non ero preparata e abituata, non sapevo più cosa voleva dire trovare spazio nella propria mente per riflettere.
Poi l’inconscio ti tradisce, ti fa pensare a cose che non vorresti, fa riaffiorare ricordi che avevi sepolto, ti fa risentire in colpa per parole dette tanto e tanto tempo fa….e devi saper gestire tutto.

Perché la fuori, non lontano da te, c’è gente che sta morendo, c’è chi sta lottando contro questo virus invisibile e tu ad un tratto ti senti così sciocca perché stai bene e non sai che sei fortunata.

Hai voglia di un abbraccio ma non lo avrai, vorresti tutte le persone alle quali vuoi bene vicine a te sorridenti e felici ma non è così per chissà quanto tempo ancora.
Il 2020 nella sua pienezza, durezza e violenza lasciatemelo dire ci ha riportato coi piedi per terra, chi ha ricordato che non siamo nulla, che trascorriamo tutta la nostra vita e il nostro tempo a discutere e preoccuparci di cose (spesso materiali) che valgono come un soffio di vento.
Tutto ciò devasta perché il nostro cervello non è fatto per fare i conti con se stessi, va in tilt…
L’anno sta per terminare, la casa è addobbata per Natale come sempre, i ragazzi felici per questa atmosfera che non manca nemmeno ora, io non sono più la stessa.
Ho paura, ho avuto molta paura per chi fa parte della mia famiglia, ho cambiato la prospettiva dei mei obiettivi.

Voglio cercare di vivere i miei figli e i loro sorrisi, tornare a sorridere con serenità.

Non posso e non potremo dimenticare quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo.

Non possiamo pensare che chi ha perso i propri cari travolti da questo virus possa trascorrere un Natale di Gioia.

Quindi approfittiamo tutti del fatto che siamo cambiati oppure cerchiamo di farlo, per noi stessi , per tutti….Auguri di Cuore a tutti.


La vita ai tempi del Covid

Testo a cura di Sara De Rosa