Le malattie autoimmuni e il dolore dell’anima

La cura del proprio corpo e della propria anima è condizione essenziale per far sì che la macchina possa superare la “revisione” e continuare a viaggiare in sicurezza.

809

Cosa sapete sulle malattie autoimmuni? Bisogna partire sempre dalle origini delle cose per scoprire, che le conseguenze che da esse ne derivano, sono purtroppo nefaste per la nostra salute e il nostro equilibrio psicofisico.

Il nostro corpo è una macchina perfetta che regge unicamente su una combinazione di variabili a seconda delle origini, dell’ambiente ma soprattutto dalla genetica e dall’ereditarietà dei fattori che possono comunque influire sull’insorgenza di malattie presenti nel nostro organismo ma silenti anche per tutto il corso della nostra esistenza.

Noi possiamo essere una delle cause scatenanti.

L’ignoranza di base delle componenti basiche del buon funzionamento del nostro organismo, purtroppo restano tali, o per lo meno non vengono prese in considerazione fino a quando il problema diventa attivo e quindi per forze di causa maggiore deve essere affrontato.

A quel punto il problema diventa malattia e come tale deve essere adeguatamente affrontato con cure e farmaci che inizialmente vanno ad aggredire il nemico per porre fine alle sofferenze che esso crea con la sua venuta.

Poi si inizia inevitabilmente un percorso a scelta, la medicina come unico mezzo di contrasto, o la medicina associata a una consapevolezza di poter modificare o per lo meno alleggerire il percorso di ciò che sembra un labirinto senza uscita.

La cura del proprio corpo e della propria anima è condizione essenziale per far sì che la macchina possa superare la “revisione” e continuare a viaggiare in sicurezza.

Viaggereste voi senza olio nel motore? No! Brucerebbe tutto, e senza benzina? Non potreste andare da nessuna parte.

Quindi è necessario che alla base di tutto ci sia una buona manutenzione e una corretta cura e attenzione di ciò che ci appartiene. In questo caso il nostro corpo.

Ritengo necessario essere seguiti da medici, non sono per le cure fai da te, ma il lavoro più duro ed importante deve comunque sempre partire dalla nostra testa e dall’autostima che abbiamo o che dobbiamo costruire nella nostra mente.

La forza è la determinazione nel voler capire i segnali del corpo, può portarci ad avere il pieno potere di azione nell’ ottenere una buona qualità della vita anche convivendo con una patologia che sembra non essere risolvibile.

Non dico che sia facile, e non dico che sia da tutti, ma come tutte le cose difficili, si inizia piano piano con piccoli gesti quotidiani che possono alleggerire la parte interiore e in molti casi questo basta per rendere meno gravosa l’afflizione del dolore.

Lo stress è nemico della maggior parte delle patologie.

Oggi infatti è diagnostico. In altri termini viene riportato nelle diagnosi mediche come se fosse facile non essere stressati al giorno d’oggi. Ma non deve essere un motivo di accomodamento per giustificare un qualsiasi sintomo fisico.

Esistono fattori molto a rischio per lo stress, il lutto e la separazione ad esempio sono al primo posto nella fascia di stress psicofisico, sono fattori destabilizzanti che scombussolano il sistema immunitario predisponendo chi ha la predisposizione al un tilt fisico e molte volte nell’insorgenza di malattie autoimmuni latenti.

Prendersi cura di sé stessi è un lavoro a tempo pieno senza soste, esiste però una remunerazione a tutto ciò, ed è poter comandare con la propria mente il nostro corpo alleggerendo con la positività dolori e ansie.

Come fare?

Semplice incominciando ad informarsi sulla propria patologia, capire quali cose ci fanno bene e quali potrebbero essere dannose, curare il proprio aspetto sempre nonostante la nostra mente subisca una sorta di rifiuto. Nutrire il nostro corpo con alimenti che possano essere più genuini possibili senza dovervi per questo mortificare per qualcosa a cui voi fa piacere mangiare. Ricordate sempre che ogni rinuncia se viene fatta contro voglia è inutile perché va a sortire esattamente l’effetto boomerang, eliminate con il corpo e colpite con la mente.

Quindi ogni rinuncia deve partire lentamente dalla vostra testa come se fosse una sorta di premio per il vostro corpo e non una sofferenza. Il movimento è importante ma non dovete scalare le montagne o fare body building, semplicemente iniziare a camminare, magari con le cuffiette e una musica che aiutino a non pensare e a disintossicare entrambi gli elementi.

Truccatevi, siate belle per voi stesse, e guardatevi allo specchio sorridendo.

Il mondo se ne accorgerà e se così non fosse voi avrete comunque acquistato punti di autostima che vi serviranno per i momenti più complicati.

Accendete il motore della vostra esistenza e basta scuse, volere è potere e nulla può contro una mente e un corpo che viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda all’unisono come una sinfonia d’amore, quello vero, quello per la vita. La vostra.

Le malattie autoimmuni e il dolore dell’anima – By Patty5