Lettera di speranza di un gilet giallo ai gilet gialli per i gilet gialli

È caduto il velo della vergogna di una povertà castrante e disperante.

46
gilet giallo

Lettera di speranza di un gilet giallo ai gilet gialli per i gilet gialli

Dall’ al di là, risuonano le campane
di vecchie rivoluzioni.
È tornato caldo il vento di libertà,
il risveglio di un’umanità che s’insorge
contro la tirannia, contro l’inculata
del popolo, Dai politici per gli oligarchi

È caduto il velo della vergogna
di una povertà castrante e disperante.

La piazza riprende vita, e la conoscenza,
la creatività, l’idea vera, ritrova
la via di cervelli, una volta spenti
dai media incantatori di coscienza.

Finalmente ci si guarda negli occhi
per parlare con voce sincera,
raggruppati attorno al fuoco, che riscalda
i cuori di una comunità scappata
dalla solitudine abissale delle case.

Si è piantato il seme dell’unione

E prima che cresca baobab
una volta ancora, l’universo offre ai dannati
la bellissima speranza dell’Ubuntu.

Lettera di speranza di un gilet giallo ai gilet gialli per i gilet gialli.