Lo Spettacolo dell’Alba

344

Lo Spettacolo dell’Alba


L’oscurità del cielo è inghiottita dalla profondità dell’oceano. Sotto tutto tace, intorno il frastuono delle onde impaurisce anche il più temerario dei navigatori. Nel mezzo dell’immensità ogni cosa è tanto distante dal firmamento quanto dall’abisso, disperso nel cuore della notte. Nero e blu di Prussia sono indistinguibili, l’armonia del colore è sommersa dall’acqua. La stella Maestra persevera, non si lascia intimorire e rivela una flebile luce chiara all’osservatore, creando uno squarcio nell’infinito. Viene offuscata da una piccola nuvola passeggera che confonde la sua posizione.

Raggiungendo la riva il trambusto dell’immensità lascia il posto alla serenità del minuto. Una speranza all’orizzonte ravviva l’animo, la superficie è illuminata da un raggio sottile, il cielo si schiarisce, i colori tetri si inteneriscono. Pare che un pittore voglia dare una svolta al suo quadro privo di vitalità, un significato alle tonalità formatesi sulla tavolozza. D’azzurro si tinge il soffitto della cupoletta che delimita il principio della nascita. Rimane qualche nube che nasconde alla vista l’intera bellezza della riscossa, vela la sconfinata grandezza del Sole. Un battito di ciglia ed ha conquistato ogni angolo della tela.

Ecco, è possibile scorgere l’esordio della nuova Stella, a cui nessuno mai può volgere lo sguardo.

Le morbide guance delle soffici nuvole color avorio si mostrano truccandosi d’oro, gli volgono la loro parte più maestosa, ricompensate dallo splendore della luce. Le sue braccia investono direttamente la pellicola della casa marina. Paradossalmente le onde rimangono forti e imperturbate, mantengono i loro contorni indistintamente, quasi a voler marcare la loro grandezza. Tuttavia non possono sottrarsi allo spettacolo dell’alba: accompagnano il sorgere della vita con un’interpretazione personalizzata, il riflesso sembra distorcere la corretta visione della realtà, ne riporta le sfumature attenuandole, una dolce carezza.

La volontà di raggiungere l’apice sconfigge completamente il regno delle tenebre. Il dipinto in perenne trasformazione annuncia la netta divisione tra la volta celeste e l’oceano, un solco d’ambra separa i due mondi distinti e allo stesso tempo li congiunge in un abbraccio.


Lo Spettacolo dell’Alba