Mercoledì delle ceneri di Sebastiano Impalà

115
Art Pieter Bruegel the Elder

Cosparsi, di cenere, il mio capo,
seduto, rannicchiato sugli altari
lungo navate di spente cattedrali.

Da voglia e d’abbandono
fui rapito
come se la coscienza
si fosse risvegliata
rendendomi felice, libero d’amare.

M’inerpicai sopra montagne aguzze
dove la roccia fusa
andava a liquefarsi,
tuffandosi maldestra
in fiumi di bontà e trasparenza.

E fu così che ritrovai il mio cuore,
negli angoli smussati dell’infanzia,
nei visi cristallini del domani.

(@Sebastiano Impal@-inedita-2017-All rights reserved)