Notte d’incanto di Sebastiano impalà

251

Notte d’incanto e di pensieri
nell’alveo immacolato dei tuoi seni
dove mi perdo con gli occhi ingenui di bambino.
Notte d’amore e di passione
dove le mani si stendon sulla schiena
e ne percorrono, ardite, le salite.
Notte di buio e luce immensa,
di gioie assolute e oscure assenze,
notte senza fine,
d’insonnia e trasparenza.
Notte che attendi il bagliore dell’aurora,
notte che dipingi la tela
dei nostri cuori affranti.
Notte, sorella dell’infanzia
notte che senza te
nulla ha più senso.


Notte d’incanto

(@Sebastiano Impalà-2017-All rights reserved)