Onoranze Funebri: un settore lavorativo ingiustamente poco considerato

21

Per ovvie ragioni, non si ha particolare piacere a parlare delle onoranze funebri e del loro lavoro. Avere a che fare con la morte, essere strettamente collegati al concetto di morte e di distacco da una persona, crea un certo disagio.

Andando però più a fondo in questo contesto, va dato atto che si tratta di una mansione estremamente importante per la comunità e di cui pochi conoscono tutti i risvolti.

Operare in questo settore infatti, significa svolgere una serie di pratiche piuttosto complesse e di varia natura.

Per esempio, il solo lato burocratico, costituisce una buona fetta del lavoro legato alle onoranze funebri. Certificati, dichiarazioni, attestati e quant’altro rappresentano infatti una fase burocratica pressoché impossibile da affrontare per i non addetti ai lavori.

Al di là dei “lavori da scrivania” poi, vi sono altre mansioni molto più pratiche. Per esempio, tutto ciò che riguarda la tanatoestetica. Questo termine particolarmente strano, riguarda la preparazione della salma per l’esposizione presso la camera ardente o la sala del commiato, andando a limitare gli effetti visivi causati dal decesso.

L’organizzazione della cerimonia (a prescindere dal credo religioso della persona scomparsa) è anch’essa legata strettamente alle pompe funebri. Che si tratti di un rituale cattolico, laico o legato a qualunque altra religione, le migliori onoranze funebri riescono a proporre una cerimonia più che adeguata. In queste occasioni, è necessario infatti una massima cura per permettere ad amici e familiari di salutare nel miglior modo possibile la persona scomparsa.

Ovviamente poi, non mancano le fasi del lavoro più facilmente riconducibili alle onoranze funebri. Per esempio, il trasporto della salma verso il cimitero, l’eventuale gestione della tumulazione, dell’inumazione o della cremazione, nonché tutta la burocrazia legata a tali operazioni. Per approfondire ulteriormente questo argomento, clicca qui.

Insomma, nonostante per ovvie ragioni vi sia una certa diffidenza verso questo settore, si tratta di un lavoro utilissimo per quanto concerne una qualunque comunità.