Per non dimenticare

75

Per non dimenticare


Sono rotti sporchi e puzzolenti

i vestiti che ricoprono

il mio povero corpo.

Non assomiglio più

al giovane ragazzo,

trascinato via

con forza bestiale

da casa mia

e dalle persone che amavo.

Guardami come sono ridotto

una larva di uomo

Tutto pelle ed ossa.

Ormai sfinito

da soprusi e inganni.

Ogni giorno il mangiare è poco

e più duro si fa il lavoro

e mi danno botte da orbi.

Sempre più debole

si fa il corpo mio

Ogni speranza è perduta,

m’hanno rubato

la dignità e la vita.

Forse mai più

da questo inferno uscirò,

ma nel cuore la Patria mia

per sempre porterò!


Per non dimenticare

Maria Pia Marchetti