Quali sono i sintomi del cheratocono?

Una malattia progressiva della cornea ...

106

Quali sono i sintomi del cheratocono? Il cheratocono è una malattia progressiva della cornea non infiammatoria che può provocare alterazioni della vista attraverso la formazione di un astigmatismo irregolare ed una progressiva dilatazione ed assottigliamento della cornea che dalla forma di una sfera assume la forma di un cono. Il cheratocono è una malattia che richiede cambi frequenti nella prescrizione degli occhiali. Con il suo progredire, infatti, la vista diviene man mano più sfuocata e distorta, aumenta l’irritazione oculare e la sensibilità alla luce. Talvolta possono anche comparire edemi e cicatrici corneali.

La malattia si manifesta con maggiore frequenza nel sesso femminile. La causa sarebbe legata ad una fragilità del collagene della cornea associata talvolta a ripetuti traumi. Compare nel periodo dell’adolescenza e si stabilizza nell’età adulta.

I sintomi del Cheratocono

I sintomi del cheratocono più comuni sono bruciore agli occhi, affaticamento oculare, congiuntivite, lacrimazione, dolore oculare, occhi arrossati, opacità corneale, visione offuscata, visione doppia, riduzione della vista, fotofobia, mal di testa. Inoltre, tutte le volte che ci si trova di fronte ad un astigmatismo che varia continuamente nel tempo è d’obbligo pensare alla possibilità di un cheratocono. La patologia può essere associata anche a miopia e, raramente, a ipermetropia. Per effettuare la diagnosi di cheratocono si ricorre a metodiche tipo la cheratometria, la topografia corneale, la pachimetria.

Cheratocono rimedi e cure

Oggi è possibile curare il cheratocono in modo efficace grazie alle innovazioni permesse dalla tecnologia. Tra i metodi a cui si ricorre vi sono la chirurgia mini invasiva del cheratocono, il trapianto di cornea lamellare per cheratocono, il cross linking per cheratocono, il laser e cheratocono, le lenti a contatto per cheratocono. E’ compito dell’oculista consigliare la soluzione più adatta al problema del paziente. Efficace è anche l’opera di prevenzione da mettere in atto per non compromettere l’altro occhio: evitare dunque di sfregarlo per non portare ulteriori microtraumi ripetuti sulla cornea. Per rallentare la progressione del cheratocono, se è in fase iniziale, è molto utile il cross linking del cheratocono.

Per avere maggiori informazioni sulla malattia, sui metodi diagnostici, sulla prevenzione e sulle cure disponibili visita il sito https://www.chirurgialaser.net/altre-patologie/maculopatie/.