Quel colore pallido

46

Quel colore pallido che la viltà rese visibile sul mio volto, vedendo Virgilio tornare indietro, in poco tempo fece sparire il colore insolito che aveva invaso il suo.

Si arrestò come chi è intento ad ascoltare; perché non poteva guardare tanto lontano a causa dell’oscurità e della fitta nebbia.
“Tuttavia è certo che noi prevarremo nella lite”, egli cominciò, “a meno che… Un’anima beata si offrì di aiutarci. Oh non vedo l’ora che qualcuno arrivi qui!”.
Vidi talmente bene in che modo egli tentò di nascondere la frase appena pronunciata nella successiva, che questa fu di un altro tenore; ma ciò malgrado il suo detto m’impaurì, in quanto io davo forse al discorso incompiuto un significato peggiore di quello che gli era stato attribuito.
“Qualcuno del Limbo scende mai nella città di Dite?”.

Da La strada dei dannati
Parafrasando lʼInferno dantesco
2015.Su Amazon
Carlo Rocchi
Tutti i diritti registrati @