RI trovarsi

435
inbound3481821993809032820

E ti perdi. In orizzonti che non ti appartengono.

E ti ritrovi. Come nuova ma diversa e con un po’ di vecchio ancora dentro.

E ci stai. E riesci ad osservare e ad annoiarti ancora perché hai furia di qualcosa che non sai.

E rivivi. Rivivi tutto. E ti scordi tutto. E tutto riparte. E te ne dimentichi. Un cielo limpido e tutto è chiaro.

E ami. E ti ribatte il cuore di tutto il non battuto prima.

E li, chi vede le nostre felicità è spettatore delle nostre fragilità.

———

Amore. Spesso si parla d amore solo verso altre persone oppure anche verso animali, ma comunque sempre verso l’altro. E se l’altro in questione fossimo noi stessi ? Il mio testo parla di una persona, indipendentemente dal sesso, che dopo un fatto o alcuni fatti trascorsi non si riconosce più e forse, in dei momenti, non riesce nemmeno più ad amarsi e non amandosi non riesce ad amare nemmeno le cose che amava prima. Vi è mai capitato? State lì e non vi amate, non amate la vostra vita, la vostra routine, il vostro corpo e magari provate a fare una cosa che vi è sempre piaciuta, ma non riuscite a godervela.

Una passeggiata, un caffè al bar, il vostro hobby preferito o due chiacchiere con un amico. Eppure prima…vi piacevano certe cose. Ma quando siete distrutti tutto ha un sapore diverso e allora? Allora arriva un momento in cui ci si ferma e si pensa “questo/a non sono io”. Ci si ferma e si osserva un attimo il cielo per capire dove siamo andati a finire e ci ritroviamo in qualcosa di piccolino. Siamo sempre noi. Con tutto quello che ci è accaduto. E dove eravamo? Sempre lì. Ma non ci riconoscevamo. Siamo arricchiti, distrutti ? Forse, ma arricchiti.

Ho scelto un immagine dell’artista Laura Balla che secondo me ben rappresenta una figura distrutta pronta a riscattarsi.

@Lauraballa_art @Ele_in.scena

1 COMMENT