Come condividere informazioni su un attacco terroristico sui social media aiuta i terroristi a diffondere il loro messaggio. Facciamo una riflessione. Non è proprio questo che vogliono? Dopotutto, la parola “terrorismo” ha come origine il “terrore”. E sui social media tutto si diffonde. E noi facciamo il loro gioco.

Molti hanno saputo dell’attacco di Manchester e Londra – solo per citare i più recenti in ordine di tempo – guardando i propri smartphone. Abbiamo ricevuto avvisi di notizie, abbiamo visto i video pubblicati su Facebook e tweet su Twitter. Forse, chi ha avuto la sfortuna di essere in quel momento sul posto sbagliato, ha anche inviato alcuni dei suoi.

Ma proprio questo potrebbe non essere la cosa migliore da fare. Perché è sui social media che tutti condividono informazioni, è dove le forze dell’ordine scoprono cosa sta succedendo ed è dove i media vanno per scoprire cosa sta succedendo. Quindi, se contribuiamo, probabilmente stiamo aggiungendo “rumore”.

Qual è il danno causato dalla condivisione di informazioni sugli attacchi sui media sociali?

Il potenziale danno è quello di amplificare l’obiettivo del terrorismo, che non è solo quello di uccidere, ma di incitare in realtà la paura in generale. E quando si postano le immagini coraggiose di chi ha contribuito alla situazione, quel che si sta facendo è diffondere la paura di un piccolo gruppo in un luogo e agli occhi del mondo. E questo è l’obiettivo esatto.

I terroristi sono alcuni degli utenti più esperti al mondo in materia di social media. Svilupperanno la loro propaganda in forma di meme in modo che sia facilmente condivisibile. Ma in aggiunta, un altro rischio è che i terroristi vogliano condividere tante informazioni per confondere. Ad esempio, a Manchester, essi hanno usato Telegram per far sapere che il pericolo fosse in città, ma non era vero. Tuttavia, la gente ha preso sul serio e diffuso su Twitter. Diffuso e confuso.

Continua a Leggere