Terra puttana

94

E mò che fai, continui a fa’ la stronza?
Statte bona e girate, nun fa’ la casta
‘che de gioca ar rialzo ce n’ho abbastanza,
io t’ho pagata e mò ce devi sta, e basta.

Guarda che te rinfaccio tutti li regali, uno a uno!
Che dici? Nun te so’ piaciuti? E me cojoni!
Te pare giusto, co’ quello c’ho pagato sarvognuno?
C’ho messo più de mill’anni e fiori de milioni.

T’ho confezionato un vestito che è ‘na meraviglia
pe’ fallo c’hanno lavorato li mejo capoccioni
e mò te lo senti pesante e nun c’hai più voglia?
Damme retta, rassegnate e nun rompe li cojoni.

Nun t’aggita’ così, rimettite in posa e ‘nnamo
‘che co’ l’ultima bizza te s’è scucito pure un punto
proprio ‘ndo’ t‘avevo fatto quel bel ricamo
e mò c’è un buco che ce passa dentro er vento.

Tu te pensi che co’ du’ salti hai risolto la questione
ma er vestito io te lo rifaccio, stanne certa,
ancora più alla moda e provocante come se conviene
a ‘na puttana come te, bella e pure esperta.
———————————————–

Caro omo mio, rivestite e datte ‘na calmata!
È arrivata l’ora che la fai finita;
a me nun me va de esse ricattata
perché so’ bella nuda, o tutt’ar più poco vestita.