Un Tale

Cerca appoggio in ogni dove, cerca alleati che prima non voleva, minaccia di far cadere l’impalcatura su cui stanno seduti a guardare l’effetto delle loro azioni.

77

C’è un tale che con smisurata sicurezza rivendica da mesi un atto compiuto come il principio cardine di tutta la sua azione politica.

Sa di essere nel giusto, di avere dalla sua la maggior parte della popolazione informata e stimolata con continui annunci, video messaggi che arrivano in ogni tempo e in ogni luogo.

Confortato da cotanto consenso il personaggio continua imperterrito con atti simili e uguali ai precedenti, convincendo altri e soprattutto se stesso che ciò che fa è buono e giusto. Sfida querele, insulti e avvisi di garanzia. Tutto gli scivola via come il bagnoschiuma sotto la doccia. Afferma di andare dritto, di proseguire la strada che si è tracciato da solo. Nessun timore sembra scalfirlo, nessuna minaccia lo altera dal suo proposito. Annuncia che rivendicherà davanti a chicchessia il suo agire, nato dal bisogno di far del bene al paese, forte del voto popolare, l’unico a cui fa riferimento e a cui risponde del proprio operato.

Allo scoccare dell’ora, quando ciò che ha voluto e chiesto, l’essere messo sotto processo, giunge a compiersi, gli spunta una ruga di sorpresa sul volto deciso e un brivido lungo la schiena gli scorre.

A lui, che per mesi ha sferzato zampate risolute, in un baleno la terra manca e avverte il bisogno di un conforto. Cerca appoggio in ogni dove, cerca alleati che prima non voleva, minaccia di far cadere l’impalcatura su cui stanno seduti a guardare l’effetto delle loro azioni.

La forza solitaria e virile, mostrata per mesi, la usa per avere la compagnia di coloro da cui voleva differenziarsi. L’essere simili non spiace più e diventa funzionale. L’uomo che dava le spalle agli altri, adesso ha le spalle al muro e chiede sostegno per uscirne fuori, insieme.

L’uomo, che, con il pollice opponibile continuamente in su, twittava, ora ritira la mano e se ne va minacciando di buttare all’aria il tavolo.

Il popolo rimane interdetto, ma come, il tuo ardire era il nostro, la tua ribellione la nostra collera, il tuo motto pure. Di tanta spavalderia messa in campo che ne facciamo, ci ritiriamo e chiediamo aiuto a degli imberbi, non sia mai!

Il tuo forzuto urlo era nostro, il tuo no pure, e anche dei bacioni avevamo fatto addestramento. Ora rimaniamo con un palmo di naso, a faccina in giù.

Ragazzi, dico io, non disperate, ciò serva da lezione. Questo gran vaso di ferro era un modesto vaso di coccio in mezzo a piccoli vasi d’argilla che ora si sgretolano per lui, questa è l’annunciata strategia. Un piccolo suggerimento mi riservo di dare prima di chiudere questa prosa, e non è per niente politico, ma di rispetto umano, per lui e per noi. Se Tale ha voluto essere, facciamo in modo che il Quale gli corrisponda. Votate Sì, aiutiamolo ad esprimere la sua vera natura. Quella del codardo.

Un tale – Stralci di psicopolitica

trenella@ymail.com