Una domenica di “foliage” alle Cascate dello Schioppo

86

Domenica 21 ottobre a Frosinone in una location particolare si sono date appuntamento le associazioni del territorio, il bene comune dello Schioppo.

Circondati da una magia offerta dalla natura, le cascate, gli artisti con le foglie hanno realizzato installazioni, coinvolgendo il visitatore. Foliage come è definita oggi per narrare la magia dell’autunno. Gli alberi sono santuari. Chi sa parlare con loro, chi sa ascoltare, conosce la verità. Il canto degli alberi scritto da Herman Hesse nel 1919 potrebbe essere la colonna sonora che guida nell’attraversare il posto, magari interpretata dai musicisti, che hanno aderito alla manifestazione. Sono andata alla manifestazione, mi sono lasciata guidare dalla fantasia e sono entrata in un paesaggio autunnale. Sono una che ama l’estate, mai come quest’anno mi brucia dentro. Camminare in questo periodo per me è una grande conquista, mi sono addentrata in mille colori, sono andata presto, silenzio davanti alle prime opere installate, neanche la musica del vento.

Un vortice di colori, nelle mille sfumature di rosso, giallo arancio.

Incontro al lavoro Antonio Limonciello dell’associazione Zerotrecemilacento, con lui il musicista Palladini, sono arrivati all’alba. Il foliage è nato oltreoceano negli Stati Uniti, in breve tempo ha conquistato l’interesse di migliaia di appassionati. All’arrivo dell’ “Indian Summer”, la stagione dell’autunno molti artisti si inspirano ai colori dell’autunno, con i dipinti, anche le poesie si trasportano nella magia. Ascolta la voce della Dickinson. Pochi strumenti ed entri dentro l’atmosfera, una macchinetta fotografica, il cellulare, un blocco notes, una matita e voglia di entrare nella natura. Ovviamente con la mia fantasia ho sentito l’eco di tanta letteratura, ma nell’opera che sta realizzando Antonio, arriva il Terzo Canto del Paradiso, la configurazione dell’infinito, composto da tre cerchi consecutivi.

I due centri esterni rappresentano le diversità, quello interno la compenetrazione Siamo nel canto della natura. Il cartello ti guida alla “interpretazione”. Incontrare gli artisti ovviamente al lavoro è entrare nell’opera con loro. Più avanti nel sentiero trovi Marinella Longo che installa le “sue foglie” nelle cornici. La natura diventa una galleria espositiva. Continuando il percorso trovi l’artista Renato Reali con le “Meditazioni”. Poi la Fabiana e Riccardo Spaziani dell’Associazione Rigenesi alla composizione di un’altra opera. Incontri capelli e divise di Lega Ambiente. Qualcuno arriva in bici. Questa area è curata da queste rete di associazione, in rete è possibile trovare gli eventi che organizzano.