Matrimonio nella valle dei templi: vergogna 5 stelle

116

Un matrimonio nella Valle dei Templi sarebbe il sogno di tanti. Siciliani e non. Una vista magnifica sul mare circondata da i resti di un patrimonio storico importantissimo.

“I monumenti a cosa servono? La vera storia non la insegnano!” cantano i Negrita in Bambole.

E forse, anche per dare una risposta a questa affermazione, che il Movimento cinque stelle in quel di Agrigento ha ben pensato di sfruttare la suggestiva Valle dei Templi come palcoscenico di matrimoni. In realtà, la questione dei monumenti utilizzati per feste è un po’ vecchia. Renzi, un sabato pomeriggio del 30 giugno 2013, autorizzò la chiusura del Ponte Vecchio per un raduno di ferraristi. A Palermo, invece, nel luglio scorso l’Area archeologica e monumentale di Castello a Mare è stata aperta solo per organizzare feste dance estive all’aperto (ne ho parlato qui).

Ma torniamo all’idea dei Cinquestelle agrigentini, forse ispirata dal programma trash Il boss delle cerimonie.

Matrimoni nella Valle dei Templi? Proposta a Cinquestelle

A riportare la notizia, proprio come nel caso del castello palermitano, è Manlio Lilli, nel suo blog su Il fatto quotidiano. Lilli riporta la mozione della consigliera comunale di Agrigento del M5S Marcella Carlisi.

Vorreste anche voi celebrare il vostro matrimonio nella Valle dei templi? Mi sembra di tornare ai tempi in cui Tremonti voleva vendere le spiagge per fare cassa. Che amarezza storica.

CONTINUA A LEGGERE