Vomero-Arenella quartieri sempre più sporchi e abbandonati

Una vergogna senza fine per questi quartieri.

82

Rifiuti e imballaggi depositati a tutte le ore del giorno

“Nonostante gli annunci, diffusi anche di recente attraverso i mass media, sui risultati e sull’estensione della raccolta differenziata, le strade della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, appaino sempre più sporche e invase da rifiuti “. Ad intervenire sul degrado che, sotto questo aspetto, continua ad affliggere i due quartieri in questione, ancora una volta è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, il quale al riguardo precisa: “Non si tratta di episodi isolati o che riguardano solo strade, per così dire, secondarie ma il fenomeno si registra con notevole frequenza anche lungo arterie principali, come via Luca Giordano e via Tino di Camaino, con la presenza di rifiuti solidi e imballaggi abbandonati su marciapiedi o, nelle zone nelle quali non è ancora partita la raccolta differenziata, all’interno dei cassonetti, in aperto dispregio alle norme al riguardo vigenti, al di fuori degli orari consentiti”.
“Purtroppo – continua Capodanno – gli abitanti dell’area collinare, fortunatamente non tutti, continuano, in mancanza dei necessari controlli, da sempre promessi ma evidentemente non attuati o realizzati solo sporadicamente, a depositare i propri rifiuti ad ogni ora del giorno, senza rispettare le modalità di raccolta e gli orari di deposito previsti dalle apposite disposizioni“.
Arenella, via Tino di Camaino, pensilina con cassonetti
“Peggio ancora fanno alcuni commercianti – precisa Capodanno -, con gli imballaggi di cartone, lasciati sulla pubblica via, senza sovente neppure provvedere a piegare gli scatoloni al fine di creare un minor ingombro, o immessi direttamente nei cassonetti per la raccolta dei sacchetti dell’indifferenziata“.
“Solo per esemplificare – puntualizza Capodanno – episodi recenti che testimoniano questo stato di cose sono stati constatati nelle centralissime via Luca Giordano e via Tino di Camaino. Nella prima si potevano notare alcuni sacchetti di rifiuti, abbandonati nei pressi di un platano, nonostante che qualcuno avesse affisso, sul tronco dell’albero, cosa peraltro vietata, un avviso con il quale si pregava di non depositare sacchetti o rifiuti. Più avanti, nella stessa strada sempre accanto a un albero, stamani giacevano sul marciapiede alcune suppellettili non ritirate da una settimana. In via Tino di Camaino, sempre stamattina, si registrava la presenza di un cassonetto pieno di imballaggi di cartone. Ancora più la grave la situazione che si osservava nel tratto di marciapiede, posto dinanzi alla pensilina dell’ANM, nello spazio peraltro riservato esclusivamente alla sosta dei mezzi su gomma, delimitato dalle strisce gialle, dove sono stati posizionati ben sei cassonetti, uno dei quali già colmo e traboccante di sacchetti pieni di rifiuti, posti sotto il naso dei viaggiatori in attesa “. Una situazione di degrado e d’incuria, con evidenti ripercussioni anche per gli aspetti igienico-sanitari, del tutto inaccettabile.

Capodanno, ancora una volta, chiede interventi urgenti per porre un freno al fenomeno denunciato, auspicando che finalmente vengano posti in atto tutti i necessari controlli per intraprendere una seria quanto costante lotta contro gli sporcaccioni che imbrattano con i rifiuti solidi e con gli imballaggi le strade e le piazze dell’area collinare, comminando le pesanti sanzioni previste dalle norme vigenti. Con l’occasione viene anche richiesta una verifica sul corretto posizionamento dei cassonetti, alcuni dei quali potrebbero essere stati spostati dalle posizioni originarie, a partiure da quelli segnalati in via Tino di Camaino.