Le migrazioni in una realtà di studi e ricerche: cause e soluzioni. Terza Parte

Dalle mie personali esperienze di famiglia trasmesse da padre in figlio, posso descrivere con assoluta chiarezza le cause che hanno spinto i miei genitori ad abbandonare il paese natale nel 1922.

Era una epoca critica senza fine del nostro Paese, tradizionalmente sofferente a causa di Politiche impostate nell’arraffare e dominate da uno Stato Mafioso, rappresentato da individui capaci di saltellare da un Partito all’altro, secondo i personali interessi del momento, seminando Ingiustizie senza ritegno, prodotte dal Potere Politico e dal Potere della Fede Cattolica, rappresentata da diversi Partiti: la DC, Comunione e Liberazione, Caritas, Siamo Chiesa, Siamo figli di Maria, Siamo Pax Cristi, ecc.. C’erano migliaia di Organizzazioni e Associazioni esterne di appoggio con il Paese nel palmo della mano e tanta Corruzione dilagante, tutte riconosciute come virtù Istituzionalizzate e Santificate, sulle quali hanno eretto le fondamenta del nostro Paese, con ingegnose ideologie Politiche e Spirituali raccatta soldi. Hanno creato un clima di continua lotta gli uni contro gli altri per la conquista del Potere, generando continue rivendicazioni che tolgono ai cittadini la gioia di vivere, mortificando o uccidendo il desiderio di sentirsi Italiani o sentirsi Cristiani.

Il mio genitore, un ingegnere alla Fiat di Torino, dopo essersi laureato in lingue straniere fra le quali le principali di allora, l’Inglese ed il Francese, decise nel 1922 di trasferirsi all’estero in Nazioni socialmente più evolute dove più tardi ha formato la famiglia in ambienti socialmente più equilibrati.

L’Italia attraversava momenti interminabili di sofferenze Istituzionali provocate dai soliti Gerarchi, che si tramandavano il comando da generazione in generazione mantenendo privilegi e impunità.

Da qui ha inizio la mia esperienza di cittadino Italiano nato all’estero da genitori Italiani emigrati, iscritto in scuole Italiane, obbligato a indossare in età infantile l’uniforme di Figlio della Lupa e più grandicello quella di Balilla.
Crescendo in un ambiente plurilinguistico in un mondo di fratellanza benché formato da persone di varie Nazionalità che il Fascismo considerava nemici, i miei sentimenti furono turbati nel seguire forzosamente i dettami di ideologie Politiche reazionarie di contrasto contro il quieto vivere, generate dall’ideologia del bullismo Fascista di quegli anni, prendendo spunto dalla Religione Cattolica che per millenni aveva sperimentato come imporre la formazione del pensiero nelle masse intervenendo sin da giovane età iniziando dagli innocenti, per soddisfare gli interessi di gruppi di potere.

Queste furberie avevano suscitato in me una reazione inversa, crescendo con l’indifferenza nei confronti della possibilità di appartenere o meno ad una o ad un’altra ideologia politica. Questo perchè dalle esperienze pratiche non vi sono reali scostamenti fra le varie correnti del pensiero politico.

Sono tutte impostate sin dalla nascita sul medesimo sistema che disunisce gli esseri, soprattutto con le ingiustizie per interessi di parte, studiate per ricorrere ad Avvocati, Sindacati e Tribunali allo scopo di accrescere il Prodotto Interno Lordo sulla pelle dei deboli, mettendo le anime in continuo conflitto per soddisfare il Potere, creando formazioni di citrulli disinformati che si accaniscono nella lotta fra Guelfi e Ghibellini con formazioni allargate a fazzoletti colorati, svastiche, magliette, cravatte, orecchini e tatuaggi, nel grande circo ideologico Nazionale.

La nascita in un ambiente scientifico con il Genitore e gli amici di famiglia di livello medio superiore, influì a impostare la mia vita nel ragionamento e nella ricerca della berità. Esattamente come suggerita da Socrate nel 500 a.C.: migliorare il proprio sapere, per una migliore qualità della vita.

Da allora cambiai scuola preferendo una scuola straniera di tutt’altro genere dove non c’era spazio per la Politica e le Filosofie Spirituali che infondono false divergenze di opinione. Immaginate che allora era proibito ai Cristiani di frequentare persone di concezioni Religiose diverse, sostenendo insegnamenti del tutto inauditi nel divulgare convinzioni tali che gli Ebrei primi ideatori del Monoteismo, furono maledetti dal Signore e non avrebbero mai avuto una terra, un Regno, girovagando per quarant’anni attraverso i deserti, ed in seguito per aver ucciso assieme ai Romani un uomo inerme che predicava la fratellanza e l’amore.

Dato che questi fatti fanno ribollire il sangue alle oche, mi comcentrai esclusivamente al puro apprendimento scientifico sulla realtà della vita, imparando quattro lingue straniere e la ricerca Tecnologica teorica e pratica, soprattutto ripassando la Storia come base nella formazione dell’essere.

Difatti oggi giorno la Scienza mette in dubbio varie affermazioni scientifiche e filosofiche del passato, compreso i contenuti manovrati nella Bibbia, non rispondenti alla realtà di allora e tanto meno a quella odierna.

Dopo aver ottenuto la Laurea in Ingegneria, posso dire ad alta voce che da qui parte la mia reale formazione come ricercatore spostandomi per il mondo alle dipendenze di importanti Gruppi Internazionali toccando i cinque Continenti, a contatto diretto con Regnanti e pezzenti dal cervello bacato che occupano posizioni immeritate per eredità famigliare, sperimentando di persona sfacciate ricchezze e pietose miserie di popoli obbligati a sopravvivere in povertà per semplice egoismo umano, sostenuto dalle medesime filosofie Religiose che differenziano le persone fra quelle baciate dalla grazia di Dio, paragonate ai nulla tenenti, ossia tutti coloro nati sotto la cattiva stella, con riferimento ai poveri e ai miserabili destinati a soffrire per tutta la vita.

Girando per il mondo ho potuto notare che Madre Natura nella sua assoluta perfezione ha creato aree differenti con la possibilità di adattamento a tutte le specie viventi nei relativi angoli di mondo e adattarsi alle condizioni ambientali e climatiche in cui vivere, procreare e svilupparsi degnamente, arricchendo ogni area con il ricavato della terra, comprese le materie prime adatte alla sopravvivenza delle differenti specie.
Alla base delle differenze ambientali e allo sviluppo nelle varie aree rappresentate da Popoli e Nazioni, entrano in gioco le capacità o la volontà politica assoggettata agli interessi personali o di Gruppi di Potere nel mantenere sotto sviluppati Popoli e Nazioni, dalle quali nascono povertà ed epidemie o pandemie con profondi sentimenti di rivendicazione, generando continui spostamenti di masse di esseri, con migrazioni verso mete migliori.

L’inizio delle migrazioni di massa in condizioni di Pace relativa iniziarono con: l’Illuminismo Francese e Scozzese, le Rivoluzioni Industriali Inglesi, lo sviluppo costante nella ricerca, la scuola Austriaca, lo sviluppo Economico, il Capitalismo non speculativo, hanno sostituito gradualmente il concetto militare di espansione armata e di controllo sui popoli sottomessi, e mano a mano che migliorava la qualità della vita in particolari Paesi, si sviluppavano le migrazioni interne ed estere verso le Città e verso quelle Aree e Nazioni in fase di maggiore sviluppo.

Naturalmente questo cambiamento non fu bene accetto dalla Fede Cattolica che per secoli ha insegnato che siamo in questo mondo di ingiustizie dell’uomo sull’uomo senza tentare di risolvere il problema, con la Croce come simbolo del male e delle ingiustizie, guidando le masse alla sopportazione e giustificando che siamo di passaggio per soffrire e più si soffre, meglio ci troveremo nell’aldilà, mentre il sapere suggellato da un maggiore benessere, potrebbe generare domande che la Chiesa o le varie filosofie di Fede non sarebbero in grado di rispondere.

Da queste convinzioni che in seguito risultarono tendenzialmente orchestrate, fuori da ogni logica nella realtà sempre più approfondita del sapere, il grande filosofo Tedesco Friedrich Nietzsche all’inizio del 1900, colpito da un raggio di sole probabilmente riflesso da Giove, sostenne che il mondo e la scienza avevano già raggiunto l’apice nella scoperta di ogni cosa e non valeva più la gioia di vivere, forse convinto dalle varie filosofie Religiose che puntando l’indice lassù verso il Cielo dove per millenni hanno sostenuto ci fosse la dimora della Sacra Famiglia con l’Occhio di Dio nostro Padre Divino che osserva ogni cosa da tener conto nel Giudizio Universale di tutte le anime ricomposte al corpo, diffidando l’uomo da cambiamenti che non riflettono il detto, che arricchiscono le Banche Spirituali dei vari Credo, mentre le ricerche effettuate nello spazio, cancellano tutte le filosofie teologiche esistenti e confermano che il bene e il male lo portiamo dentro di noi nel cuore, nella milza o nel cervello, attraverso la ricerca del sapere, nel rispetto delle Leggi di Madre Natura e di tutto il Creato.

Sono fortemente convinto che il vivere bene o il vivere male di un popolo dipende esclusivamente dal livello di onestà, intelligenza e soprattutto dall’esempio di chi si è posto al di sopra degli altri in modo etico e responsabile, o diversamente per ragioni di interessi, mentre la via che conduce al miglioramento della qualità dell’esistenza dell’essere è essenzialmente subordinata allo sviluppo Politico intellettuale di un popolo, e dipende dal livello di collaborazione fra governanti e cittadini, nel sostenere un continuo ponte di informazioni dove le ideologie politiche fondate , non promuovono o ritardano lo sviluppo e il benessere di una Nazione.

Osservando con profondo spirito critico le Migrazioni di massa, sia interne come pure quelle internazionali, notiamo con profondo rammarico che gli spostamenti delle masse di uomini non sono causate dalla Natura, ma provocate dalle azioni dell’uomo contro l’uomo, sviluppando povertà, epidemie e pandemie generate dall’egoismo, dalle speculazioni, dalle guerre, e dal mancato sviluppo che obbligano i popoli a spostamenti di massa alla ricerca di una migliore qualità della vita, per migliorare se stessi e soprattutto il futuro dei propri cari.
Spostando le nostre attenzioni verso la storia, mantenendoci in tempi relativamente moderni, con riferimento alla fine della seconda guerra mondiale (1939/1945), milioni di Italiani emigrarono, abbandonando il proprio paese per altre destinazioni, verso tutta l’Africa e Medio Oriente, il Sud e Centro America, il Canada, l’Australia, l’Asia, qualcuno verso le isole del Pacifico ed altri verso Nazioni del Nord Europa o il nord dei rispettivi Paesi.
Da una casistica internazionale sulle migrazioni, sembrerebbe che gli Italiani oriundi che popolano il mondo sono oltre 110 milioni, di cui, se per ragioni Politiche Internazionali fondate su quelli che sostengono il concetto di ognuno a casa sua, e dovessero rientrare in Italia, sarebbe la fine della ragionevolezza e della fratellanza.

Le migrazioni in generale benché nei momenti cruciali di grave esplosione non adeguatamente programmata, con riferimento ai movimenti di masse di esseri in difficoltà per cause diverse, generate sempre dalla mala politica o dalla cattiveria dell’uomo sull’uomo, ciò malgrado hanno la tendenza a seguire dettami imposti da Madre Natura che livella ogni cosa a suo modo, dove la sopportazione delle sofferenzedivenute incontenibili in modo straripante, quando superano la linea di bilanciamento, ossia quando il bicchiere è pieno e trabocca dando inizio al cambiamento forzoso, il quale considerato sotto profilo concettuale naturale, impone, obbliga un cambiamento che va considerato favorevole sempre in virtù dei dettami Naturali, portando alla socializzazione forzata popoli in movimento, nel sviluppare quel concetto di fratellanza universale delle specie, incluso quella umana in un mondo senza barriere.
La nostra penisola è piena di Storia al punto che ogni Regione o Comune nel passato ha rappresentato un Popolo di migranti di svariate origini, che il tempo ha riunito sotto una unica bandiera.
Molto prima di Colombo, di Cook, dei Vichinghi, dei Fenici, dei Persiani, dei Romani, risalendo sino agli Antichi Egizi e ai vari popoli della Mesopotamia 3500/4000 a.C. avevano imparato a muoversi migrare alla ricerca del sapere.

A mio avviso, il problema delle migrazioni di massa potrebbero essere meno gravose se al posto delle Nazioni Unite , creassimo un agglomerato Internazionale di rappresentazioni di popoli e Nazioni formulate sul promuovere l’Etica Politica in difesa dei diritti umani, senza privilegi o veti per imporre la gloria del Potere attualmente concesso alle Lobby Politiche, Industriali, Capitalistiche e Religiose, le quali dalla nascita dell’uomo sono sempre le stesse e ci riconducono al pensiero del sommo Poeta Fiorentino Dante Alighieri 1265/1321: .

Se osserviamo la natura o meglio Madre Natura, la quale provvede a tutte le nostre necessità di sopravvivenza, senza chiederci il Passaporto che limita l’ingresso privilegiato esclusivamente ai benestanti o ai bulli, dalla quale possiamo trarre tutti i nostri insegnamenti sul sapere come condurre una vita migliore, osservando che tutto intorno a noi si muove in modo lento, medio o veloce, dove tutto ha uno scopo preciso cadenzato dal tempo che modifica ogni cosa, dove tutto è uno solo a formare il Creato.

Si muove il Mondo, la Luna, le Stelle, si muove il Tempo, si muovono i Continenti, gli Oceani, i Mari, si muovono le parole le quali viaggiano senza confini, si muove la Scienza, la Tecnologia, gli animali, gli Uccelli, i Pesci, e per maggior ragione si muove l’uomo alla ricerca continua del sapere per migliorare la propria esistenza.

Abbiamo domato animali feroci, abbiamo domato epidemie che il vento trasporta e consegna all’umanità come un postino consegna le lettere contenenti informazioni belle o brutte, abbiamo parzialmente domato l’uomo, la Società, ma non siamo riusciti a domare la Politica, fondata sull’egoismo e da un Potere che pone continuamente l’uomo contro l’uomo.

I Saggi, iniziando dalla preistoria ci invitavano alla riflessione, al ragionamento poiché in natura non esistono due verità che possano contendersi il primato, o è giusto o ingiusto, senza inflessioni destinate a distorcere la verità.

Le ingiustizie sono il vero promotore, la causa delle rivendicazioni a catena, delle guerre, delle sofferenze che vedono sempre coinvolti in prima linea gli innocenti e non gli autori delle ingiustizie e delle guerre, ma farlo capire ai Politici è come scopare il mare.

In un Paese relativamente in Pace, ricevere una quantità inaspettata di profughi che fuggono dalle guerre e dalla fame, famiglie intere in fuga per la salvezza di cui tutta l’umanità è responsabile per non sapere scegliere i propri rappresentanti Nazionali e Internazionali, e non sostenere queste famiglie con un lavoro, una abitazione o un tetto dove possono gettare le ancore delle proprie speranze per una ripresa della vita, è come ucciderli moralmente, costringendoli ad agire scorrettamente verso la società.

Apparentemente non abbiamo ancora capito che il successo di una Nazione non è formulato su raggruppamenti Politici Mafiosi, ma sulle capacità, responsabilità, etica, e programmazione di un capo famiglia di cui la famiglia è l’intera Nazione, puntando su un uomo esemplare aiutato rispettosamente dalla collaborazione di tutti i cittadini.

A che cosa serve un Presidente della Repubblica ben rifocillato, che mangia, beve e dorme senza rispondere ai ricorsi segnalati dai cittadini sotto alla sua tutela, per ingiustizie subite dalle Istituzioni dello Stato senza reagire?

Quando andate a votare per eleggere i vostri rappresentanti, sempre che ve lo permettono, considerando che in molti casi si eleggono da soli, sorretti da Gruppi di Potere che non ammettono cambiamenti migliorativi nella Società, per non perdere i diritti acquisiti nel dominare il Paese e il Mondo per interessi di Gruppo.

Una Signora Siciliana puro sangue di Alcamo, probabilmente di antiche origini Greche, Arabe o forse Aborigene (l’albero genealogico di ciascun essere risale a nostra insaputa a migliaia di anni ed è difficile rintracciare le origini) riceve una telefonata dal nipote emigrato con la famiglia nel Burundi Africa Centrale al tempo della Democrazia Cristiana. La DC appariva per quello che non era ed ha Governato l’Italia per lunghi anni seminando tante malefatte tutte censurate, dove tantissime famiglie hanno sofferto e tante altre sono emigrate, fuggite verso altre Nazioni, di cui come consolazione a premio, si sono svolte numerose dimostrazioni di piazza, rovesciando tram e autobus pubblici, rovesciato tavoli, bruciato Boschi ed hanno persino accoppato il loro Presidente, ma sono sempre qui come l’ombra di Satana.

Parla il nipote:

“Cara zia, nel giornaletto locale delle Missioni, leggo che in Italia è scoppiata la vera Democrazia, non quella Libertaria o quella Totalitaria, neanche quella Militare e neppure quella che continua a parlare di ripresa e di utopie, di speranze o quella che vede la luce nel buio o riempie i piatti con la speranza e la preghiera.”

La zia lo interrompe e dice:

“Annibale, fermati, eccheminchiadici, qui siamo sotto regime Gerarchico dove ognuno fa quello che gli pare e piace, con tanti Partiti e Partitelli raccolti sotto due o tre ombrelloni, e mangiano, grattano e si grattano senza cambiare nulla, tranne aumentare le tasse e il costo della vita mantenendo i medesimi privilegi.”

Prosegue la zia:

“Caro Nipote, devi sapere che qui per il bene comune hanno aggiunto diverse Organizzazioni di Pace come La Mafia, La Corona Unita, L’ndrangheta, La Massoneria, i Crociati, la Corruzione, gli Scandali, furti e speculazioni tutte istituzionalizzate, con tanti parlatori da mercato venditori di menzogne, menzognere e menzognate raccatta soldi tutte impunite, con privilegi che donano la pace e arricchiscono le Pompe Funebri con i tanti suicidi, sofferenze, aggiungendo tasse sulle tasse, con il pagamento dell’IVA anche a chi muore, quindi ti auguro di campare per oltre cento anni, ma se devi morire, ti conviene morire laggiù dove gli sciacalli sono più rispettosi.”

Continua la zia:

“Annibale, prima che salta la linea telefonica, vorrei aggiungere: se hai commesso qualche piccolo crimine prima di scappare dall’Italia, devi sapere con il mese di Dicembre 2015 inizia il “Giubileo Della Misericordia”, che è Amore, Comprensione e Perdono, con lo scopo di cancellare tutto e tutti i peccati, anche ai grandi mascalzoni, ai pederasta o incriminati di abusi sessuali verso i minori, godranno dell’assoluzione, per ripulire virtualmente le coscienze sporche senza punizioni e il privilegio di iniziare da capo generando altro Male fresco di giornata.”

L’Italia sta morendo, con un fallimento dietro all’altro dentro ad un buco nero. Ma c’è chi vede la ripresa, i migranti non c’entrano, anzi hanno portato un venticello di innovazione al Paese con la vendita agli Arabi di polpettoni Statali tipici dell’Alitalia, mentre i nostri rappresentanti Politici non eletti dal popolo, con quattro colpi di Stato susseguenti, non si rendono conto che il bicchiere è già colmo e i cittadini chiedono un immediato ritorno alla normalità formulata sull’etica Politica e il rispetto dei diritti umani.
Far pagare il debito pubblico Italiano al popolo, in seguito a gravi errori Politici per interessi di parte, di cui i cittadini Italiani erano semplici osservatori, mi pare un’operazione scandalosa.

Ogni epoca arricchisce la storia dell’uomo con esperienze aggiuntive che dovrebbero migliorare il nostro sapere per lo sviluppo di un paese in grado di bloccare le pazzie dell’uomo di qualsiasi colore Politico e formulare una disciplina incentrata sulla Giustizia, e la Cooperazione Sociale, Scientifica e Tecnologica, distaccandoci da eventuali scontri di civiltà fra Religioni, principali fautori di discordie e di guerre le quali vanno ridimensionate nel diffondere la libertà del Credere come ideologia della propria coscienza.
Dio come rappresentanza ideologica del bene, non è lassù e neppure quaggiù, ma lo portiamo dentro di noi nel rispetto delle leggi dettate da Madre Natura che governano tutto il creato compreso, l’uomo.

L’Africa si è svegliata rinfacciando all’Occidente millenni di sofferenze e di speculazioni che hanno calpestato l’intero Continente. Ed oggi giustamente si rivale furbescamente con tattiche atte a riconquistare la propria Civiltà e la libertà perduta con l’occupazione dell’Europa.

Mi sorprende che i vari filosofi mondiali, seduti in comode poltrone, continuino a parlare di strategie del potere, forzando l’applicazione delle medesime ideologie che dividono l’umanità in vari livelli sociali di differenti classi, mentre dovremmo creare un Ente Mondiale con la partecipazione di tutti gli Stati in sostituzione dell’ONU, (una Organizzazione considerata inutile), e sviluppare un Nuovo Ordine Mondiale a protezione e salvaguardia della Giustizia calpestata dal Potere, dove i popoli del mondo possono riconquistare la sovranità perdura con regole universali che stabiliscono la scelta dei propri servitori Politici e non imposti da gruppi di potere rappresentati da Partiti Politici di personale interesse.

L’America, la Russia e la Germania, si sono evolute grazie a uomini capaci ed onesti del Calibro di Abraham Lincoln, Dwight Eisenhower, Richard Nixon, Bill Clinton, e per la Russia: Josef Stalin e Vladimir Putin, e permettetemi la libertà personale di considerare tutti gli altri come ombre di culture terziarie.