Brandy cognac acquavite e grappa. Quali differenze?

62

Brandy cognac acquavite e grappa creano una confusione enorme nella testa della gente. Io sono un amante della grappa devo dirlo, soprattutto quella barricata. Ma non mi dispiace nemmeno il cognac. La cosa preoccupante è che beviamo questi superalcolici ma spesso facciamo una gran confusione.

L’idea di scrivere un articolo sul tema nasce dalla classica discussione di pranzo tra colleghi di lavoro. Mi è stato chiesto quali bevande alcoliche si usano in Thailandia. La mia risposta è stata: birra e Brandy. Parliamo di un brandy locale prodotto proprio in Thailandia, che viene consumato miscelato con ghiaccio e acqua frizzante.

Da questo momento si scatena la bagarre. Discussioni campate in aria sulla differenza tra cognac e brandy. Onestamente, ammetto l’ignoranza, io non sarei stato in grado di rispondere. Ho avuto l’impressione che le versioni che stavamo condividendo a tavola non fossero corrette. Addirittura si è citato pure il whisky.

Vediamo quali sono le differenze tra Brandy cognac acquavite e grappa. Poi vi parleremo anche del Whisky.

Iniziamo dal Brandy appunto.

Il brandy è letteralmente un distillato di vino d’uva messo a fermentare ad una temperatura controllata tra i 18 ed i 22 gradi. Subito dopo questa fase si avvia la distillazione per poi passare alla fase di maturazione in botti di rovere. Proprio in questa “tappa” finale il brandy assume tutte le caratteristiche organolettiche che conosciamo. Parliamo di una gradazione alcolica di 40 gradi. Il nome deriva dall’olandese “brandewijn” cioè vino bruciato (o distillato). A sua volta fu tradotto in inglese brandywine.

Ed il Cognac?

Cognac è una città della Francia occidentale. Questo distillato di vino bianco prende dunque nome da questa città in cui era principalmente commerciato. Siamo nella Nuova Aquitania, ovvero nell’Ovest della Francia. Il Cognac, quindi, viene prodotto solo ed esclusivamente in queste zone. Più precisament nella regione della Charente e della Charente Marittima. Pertanto, non può mai essere confuso ne con il Brandy ne con la grappa. Quindi per essere precisi il brandy prodotto nella regione del Cognac si chiama appunto Cognac. Tutto il resto è brandy. Facile no? E’ dunque un Appellazione di Origine Controllata (AOC, la nostra DOC) che si produce esclusivamente con 4 vitigni: Ugni blanc, Folle blanche, Colombard e Sémillon.  Quindi tra Brandy cognac acquavite e grappa per ora sembra facile. Impossibile confondere Brandy con Cognac.

Veniamo alla Grappa. Di che si tratta?

Prima di tutto la Grappa viene prodotta solo ed esclusivamente in Italia. Quindi difficilmente la possiamo mischiare con Brandy e Cognac. Inoltre in questo caso si distilla la vinaccia composta ovvero da buccia e vinaccioli dell’uva. Per chi non lo sapesse i vinaccioli sono i semi dell’acino dell’uva. Per grappe di elevata qualità i vinaccioli devono essere separati dalla vinaccia prima della distillazione. E’ quindi sostanzialmente diversa la Grappa. Il Brandy ed il Cognac, come detto sopra, sono derivati dalla distillazione di uva intera fermentata. Quindi tra Brandy cognac acquavite e grappa ora abbiamo fatto un altro passo avanti. Il Cognac è il brandy prodotto nella zona francese nei pressi della omonima città. Il Brandy è ogni distillato di vino non prodotto nella zona del Cognac. La Grappa, infine, è un distillato di vinaccia esclusivamente italiano.

Finalmente il turno dell’acquavite.

L’acquavite è un termine tecnico che indica qualsiasi alcolico derivato dalla distillazione di un liquido zuccherino fermentato. Di solito parliamo di un prodotto vegetale: vino, frutta, cereali, radici o tuberi. Quindi? Sostanzialmente sia il Cognac, che il Brandy che la Grappa sono delle acquaviti. Per essere chiari, dunque, quando usate il termine acquavite dovrete specificare di che tipo di distillato state parlando.

Ed il whisky, c’entra qualcosa?

Se siete stati attenti dovreste avere già la risposta pronta. Il whisky infatti è un acquavite derivata dalla fermentazione e distillazione di cereali. E qui potremmo stare ore a spiegarvi delle molte differenze di Whisky. Come sapete oltre a quelli più conosciuti, ovvero scozzesi e irlandesi si affiancano qualità pregiatissime anche in Giappone, Canada e Stati Uniti.

Dedicheremo probabilmente un articolo specifico ad ognuno dei prodotti elencati sopra perché credo ne valga la pena. Soprattutto perché cosi saprete sempre quello che vi state bevendo 🙂

Brandy cognac acquavite e grappa. Ora conoscete tutti i segreti e se vi capita che qualcuno ne parli ad una cena o durante un drink, farete un figurone. Chiaramente potremmo continuare a lungo con il gin, la vodka e tutti gli altri tipi di distillati ma vi lascio studiare in pace 🙂