Il gelato nero è la nuova moda estiva. Ma come è fatto?

Gelato nero, dovete andare a New York

145

Il gelato nero? Non è un gelato incazzato. L’estate si avvicina a passi veloci, col suo caldo infernale, i suoi immancabili tormentoni e le sue nuove mode.

Sono mode quasi tutte come sempre passeggere, molte delle quali poco utili e ad uso e consumo fino a Settembre. Quando poi avremo dimenticato tutto e ci ritroveremo come sempre consapevoli che, come diceva il grande Califano:

“ma l’Estate somiglia a un gioco. E’ stupenda, ma dura poco…”.

Tra le mode, ovviamente occorre metterci pure quelle culinarie. Tra queste, è d’obbligo annoverare il gelato nero. Nome originale “Black Ice Cream”, che impazza su Instagram. Ma come è fatto? E dove possiamo trovarlo? Vediamolo di seguito.

Dove si può mangiare il gelato nero?

Se volete veramente gustare questa prelibatezza dovrete prendere un volo per New York. A lanciarlo, infatti, è stata la gelateria americana Morgenstern’s Finest Ice Cream. E’ proprio dalla grande mela, dunque, che è partita la mania Instagram della foto con il gelato nero. In Italia, salvo prova contraria, non è ancora arrivato. Anche se ci sembra strano. Chiediamo quindi a tutti voi lettori di smentirci e di indicarci dove lo avete mangiato nei commenti sottostanti all’articolo.

Ma come è fatto il gelato nero?

Latte, scaglie e crema di cocco. Questi sono gli ingredienti segreti di questo gelato. Voi direte, ma il colore nero?. Eh eh. Il tutto è ottenuto tramite la carbonizzazione di una noce di cocco intera.

Volete saperne di più sul gelato nero e su questo processo di “carbonizzazione”?

CONTINUA A LEGGERE