Quella sera che andai al pub con gli Iron Maiden

Ripubblico orgoglioso la foto sul mio profilo e dopo un discreto numero di like, si apre una discussione su come sono andati i fatti che hanno portato a quello scatto. Ecco la vera storia.

2859

Qualche giorno fa, per uno strano scherzo del destino, un mio amico mi invia sulla mail di Facebook una vecchia foto del 1998, in cui, una versione irriconoscibile di me medesimo appare vicino ad alcuni membri degli Iron Maiden.

Ripubblico orgoglioso la foto sul mio profilo e dopo un discreto numero di like, si apre una discussione su come sono andati i fatti che hanno portato a quello scatto. Ecco la vera storia.

Come dicevo siamo nel 1998, per la precisione è il 17 marzo (ricordo bene la data perché è il San Patrick’s Day, giorno in cui si festeggia il patrono d’Irlanda sbevazzando nei pub di tutto il globo), mi trovo a Madrid in gita scolastica, quinto anno, tre sezioni: A, C ed E.

Io, dopo tanti anni di fedelissima militanza nella musica heavy metal, attraversavo una discutibile fase punk/oi!, cosa che veniva riflessa dal mio abbigliamento: via chiodo e capelli lunghi, sostituiti da bomber, capelli rasati a zero, anfibi e bretelle.

Quella sera girovagavo assieme ai miei amici Paolo (anche detto er catena) e Matteo (in seguito ribattezzato Zì Pelato), con i quali decidiamo di spostare il nostro raggio d’azione lontano dalla Gran Via, troppo pericolosa la notte, in quanto frequentata da quelli che avevamo soprannominato i people of the night, ossia i balordi di ogni risma e specie che si palesavano al calare delle tenebre. Ci dirigiamo quindi verso un pub adiacente all’albergo dove era ospitata la sezione E, in maniera tale da ricongiungerci col resto della nostra comitiva per fare un po’ di baldoria durante la nostra ultima notte in Spagna prima del rientro a Roma.

Arrivati nei pressi del pub Paolo attacca bottone con una ragazza, senza ottenere risultati degni di nota, decidiamo quindi di dedicarci alle nostre pinte di birra, che nel frattempo erano diventate parecchie, motivo per cui io mi stravacco per terra appoggiato a un palo della luce, sentendomi un vero duro, invece del cazzone che ero. Comunque arrivati a quel punto la serata non prometteva nulla di epocale per un gruppetto di diciannovenni sfigati in gita scolastica, e poi all’improvviso la svolta!

Dalla mia privilegiata posizione di simil barbone noto alcuni volti familiari: un gruppo di capelloni che si appresta ad entrare nel pub. Per qualche strano scherzo del destino uno di loro mi ricorda il mio vecchio amico Fabio Amon (detto l’indiano), metto meglio a fuoco e scopro che in realtà non gli assomiglia per niente, ma io quel tipo lo conosco lo stesso, o meglio lo riconosco, è Blaze Bayley il nuovo cantante degli Iron Maiden!

Dietro di lui arrivano anche nientepopodimeno che Steve Harris (bassista e leader storico della band), Dave Murray (chitarrista dal volto rotondo e rubizzo) e quel mattacchione di Nicko (batterista).

Piccola digressione, ascoltai gli Iron Maiden per la prima volta nel 1990 quando su Italia 1 passarono durante il programma DJ Television il video del brano Holy Smoke, fu amore a prima vista, anche oggi a quasi trent’anni di distanza pensate che i Maiden sono uno dei miei gruppi preferiti. Ma torniamo a noi! In un batter d’occhio mi sollevo da terra e comunico a Paolo e Zì Pelato che quei tipi che sono entrati nel pub sono gli Iron Maiden. Loro non conoscono più di tanto la musica metal e non ne sono particolarmente fan, ma il nome Iron Maiden ai tempi era noto anche ai sassi, quindi mi seguono nel pub. Adesso iniziano le comiche.

Mi dirigo verso Blaze, secondo un mio contorto ragionamento per il quale dovevo importunarli partendo dal meno noto al più famoso. Vado quindi ad attaccar bottone, prendendola mooooolto, ma veramente mooolto alla lontana alla lontana.

Io: “Hi are you English? (Ciao sei inglese?)

Blaze: “Yes and you?” (Sì e tu?)

“No I’m Italian… Are you a singer? (No sono italiano… sei un cantante?)

Blaze inizia a ridere, io continuo: “You are Blaze from IRON MAIDEN!” (Sei Blaze degli Iron Maiden).

Le risate a questo punto sono fragorose: due chiacchiere con Blaze, poi cerco di offrire una birra a Steve Harris (che declina la proposta), saluto anche Dave e Nicko al quale sottraggo contestualmente il bicchiere vuoto come souvenir ricordo.  Gli altri ragazzi della scuola che orbitano attorno al pub iniziano a capire che quei tizi sono famosi, quando viene detto loro da Paolo che sono gli Iron Maiden inizia il tipico assedio in stile italiano in vacanza, una ridda di richieste di foto ricordo con tutto il corollario, anche se probabilmente meno del due per cento dei presenti conosceva almeno una singola canzone del gruppo. I Maiden forse adesso sono un po’ scocciati, ma manca ancora l’ultimo importunatore: il mio amico Giovanni detto Cioffy. Lui sì che è un vero fan.

Lo intravedo in lontananza e corro a perdifiato verso di lui.

“Giovà, ci sono gli Iron Maiden al pub!”

“Seeee….”

“Giovà, ce scommetto centomila lire!”

Io ai tempi non avevo quasi mai molti soldi in tasca, Giovanni capisce che non scherzo e si fionda dentro al pub, dove con tutta la nonchalance possibile apre le braccia chiama Blaze e lo va ad abbracciare. A questo punto mi accerto che vengano scattate delle foto con me presente, pregando Dio che non si rovinassero durante lo sviluppo, eravamo nel 1998, l’era degli smartphone era lontanissima e il mezzo più comodo per scattare qualche foto erano le macchinette Kodak usa e getta.

Beh, come avrete capito le foto alla fine sono arrivate in stampa sane e salve e dopo tanti anni una di queste è tornata a me.

Io invece dopo la fuga dei poveri Maiden, che dopo una manciata di minuti si sono giustamente dileguati, mi sono recato in albergo, dove in corridoio incontro il professor Massa, nostro accompagnatore, che si incazza non poco quando mi vede girovagare con un bicchiere da cocktail in mano. Gli spiego che quello è il bicchiere di Nicko degli Iron Maiden, non riesco a convincerlo.

Mi credette solo due settimane dopo quando vide le foto.

Ah, quasi dimenticavo! Cosa stavano facendo i Maiden a Madrid?

Dovevano giocare una partita di calcio di beneficenza con una rappresentativa locale. Il buon Steve Harris non si smentisce mai.

3 COMMENTS