La musica unisce: sempre!

145

“La musica unisce sempre”: partiamo da questo motto creato da un mio amico cantante per raccontare una storia, la mia storia. Da sempre appassionata di musica, mi piace tantissimo cantare e mettere tutta me stessa nelle canzoni che decido di interpretare, non solo voce ma anche costumi e travestimenti inerenti alla canzone.

Qualche anno fa ormai, decidetti di iscrivermi ad una gara di canto, per me una novità perché la mia prima volta in cui mi esibivo con un gruppo che suonava dal vero e non utilizzando una base musicale. Partecipavo alle prove dello spettacolo sempre con tanto stupore ed emozione, felice ogni sera di incontrare altri cantanti in gara. Ricordo benissimo un signore del paese che partecipava alle prove venendo in moto, tutto bardato da vero motociclista: giubbotto di pelle, guanti, casco… un signore molto simpatico, allegro, parlava con tutti utilizzando tantissime battute ironiche. Alla gara portava, anche lui come me una canzone di Adriano Celentano, cantava “Storia d’amore”.

Me ne stavo in disparte ad ascoltarlo, osservando i suoi modi di fare con le persone e il suo stile di cantante. Le prove stavano per finire e la mia curiosità aumentava sempre più, finché arrivò la serata dello spettacolo che si teneva in piazza. In quella piazza gremita di spettatori, l’agitazione e l’adrenalina per l’esibizione saliva sempre di più dentro me,la paura di sbagliare le parole mi assaliva. Inizia lo spettacolo, come primo cantante in gara si presenta di nuovo questo signore, si accompagnava suonando una chitarra rosa edizione limitata. Lo guardavo sempre più incuriosita, un po’ per la chitarra strana, un po’ perchè cantava imitando con voce, gesti, movimenti, travestimenti il vero Celentano.

Ho subito pensato che mi sarebbe piaciuto conoscerlo di persona, che mi sarebbe piaciuto duettare insieme a lui visto che anche lui aveva il mio stesso modo di esibirsi (imitatore in tutto e per tutto). La serata è finita ma la mia curiosità non si è mai spenta. Torno a casa e mi metto a cercare sul più famoso dei social, Facebook, se lo potevo ritrovare: sapevo solo il nome e il paese dove vive ma per mia immensa fortuna sono riuscita a trovarlo: aveva un profilo di fb. Noto con molto piacere che nelle informazioni ha scritto il numero di telefono e colgo subito l’occasione per contattarlo su whatsapp.

Da quel giorno è nata un’amicizia speciale, unita dalla passione per la musica. L’anno successivo abbiamo concretizzato quello che era solo un mio pensiero, quello che mi sarebbe piaciuto fare con lui: abbiamo partecipato alla gara interpretando con abiti e imitazioni la canzone di Mina e Celentano “amami amami” e ci siamo aggiudicati il premio simpatia. Nel corso del tempo questa amicizia si consolida ogni giorno di più, diventando qualcosa di più di una semplice amicizia. Questa è la mia storia, la storia di GiulyGiu e il “Nonno”, conosciuti per merito della musica e tutt’ora uniti in un rapporto davvero speciale… questa è la prova che se due persone si vogliono bene non importa l’età e io al mio nonno gli voglio un mondo di bene!!!