La donna come ispirazione perpetua

76

ANTONIO CONTILIANO

Nei lontanissimi anni ottanta, un mio collaboratore che presentava poeti italiani in Macedonia, Boris Višinski, capo redattore della rivista “Kulturen život” mi domandò di fare una scelta e tradurre alcuni canti di Antonio Contiliano in lingua macedone. Un poeta originario di Marsala (1942- Sicilia), laureato in Pedagogia presso l’Università di Palermo, collaboratore dell’Istituto Magistrale di Marsala, pubblicato nel suo paese e tradotto in altre lingue, tra cui anche la lingua macedone.

Nel 1986 una nostra delegazione culturale fu invitata a presentare le sue opere in Sicilia.

Tra i presenti non solo politici, ma sopratutto i nostri poeti, musicisti ed altri rappresentanti della vita culturale del nostro paese. Una visita organizzata dall’Onorevole Eugenio Baresi (già deceduto), in quei tempi Console onorario di Malta in Sicilia, e direttore dell’Istituto di Etno-cultura di Palermo.Tra gli ospiti ebbi la gradita opportunità e l’onore di conoscere anche Antonio Contiliano, bravissimo poeta di cui avevo già una opinione molto precisa, in particolare in merito alla sua raccolta “Il Flauto del Fauno” di cui ho già presentato alcuni canti tradotti nella mia lingua.

Ciò che fu fascinante nella sua poesia furono i versi dedicati alla donna che le aveva ispirato, lasciandomi una sensazione molto cristallizzata: che donna, Signora, Musa fu quella che avrebbe incitato, ispirato tanto bei versi? E quando lo conobbi, primo che mi venne in mente era esattamente quello- conoscere la sua Musa che l’aveva tanto elevato per diventare un poeta tanto bravo per provocare anche a me tali sensazioni, e vero anche indimenticabili.

Talvolta siamo molto più agitati da ciò che stiamo leggendo, piuttosto che dal fatto stesso che abbiamo conosciuto le persone che stanno dietro alla creazione dell’opera stessa.

Almeno la mia esperienza fu tale, ma forse a causa dell’enorme impegno che ho avuto lungo l’intera visita: essere interprete per tutti i presenti della delegazione, includendo talvolta anche gli organizzatori che in quei periodi non potevano neanche immaginarsi si potesse ricevere una simile visita.

La raccolta di Contiliano è rimasta nella mia biblioteca, per ricordarmi questo bravo poeta, e le mie prime traduzioni della poesia italiana nella mia madre lingua, che furono subito pubblicate nella rivista “Kulturen život”.

In seguito scoprì che nel 2014 ricevette il Premio Internzionale Letterario e Artistico NAT SCAMMACCA – L’UOMO E IL POETA

Per lettori di “BombaGiù” propongo la lettura di quei tre canti che mi rimasero in memoria a ricordarmi in quanta misura una donna può essere una vera Musa, ispiratrice, spirito muovente non solo di un poeta in crescita, ma di tutte le arti.

CONCERTO

Nuda

sopra un prato di nuvole

distesa

ti bacio la fronte

lascio cadere al vento

dai miei pugni schiusi

raggi di lucce sulla tua pelle

ti penetro profondamente

splendendo laghi di cristallo

privi di tempo

d’estasi fusi mi sprofondo

in un concerto infinito

di storie, di miti

di canti.

LUGANO

Stanotte

i miei desideri navigano

sul lago di Lugano

dove la luce dei lampioni

giocoliera d’immagini

specchia il tuo viso.

La lontanaza mi brucia

donna.

Voglio sentire ancora

il sorriso iridescente degli occhi

il mormorio della pelle d’avorio

quando ubriaco e trasognato

porterò alle labbra incantate

i tuoi frutti biancorosa.

VENERE MIA

Sui brividi delle onde

al calar del silenzio

vedo te

e il fischio del vento

baccante fra i capelli

attorno ali mio castello

aprire nuove stagioni

con canto della vita.

Dolce e triste va la nebbia

coi suoni della luce

e sentieri pieni di fiori

mentre gli occhi già stanchi

si perdono nella notte

sulle orbite planate dei gabbiani

al profumo degli orizzonti sbocciati.

Dalla raccolta “Il Flauto del Fauno” – “Impegno 80”- 1981, Mazara del Vallo.

A cura di Biljana Biljanovska