Penultima spiaggia

84

Daniele Poto ha scritto e pubblicato in queste ore Penultima spiaggia, un manuale di sopravvivenza per resistere all’Italia.

E’ un utile compagno di viaggio del vivere quotidiano nella problematica Italia di oggi. Un vocabolario in 121 voci o lemmi nel segno della coscienza critica e della responsabilità alternando temi alti (esempio mafia) a bassi (parcheggiatore abusivo, tinta). Con una dovuta e stranita meraviglia per quanto il paese rimanga immobilizzato nelle proprie contraddizioni. Perché nell’ex Belpaese è difficile vivere, a volte l’obiettivo massimo è sopravvivere. All’illegalità, alla burocrazia, a quel libero arbitro così stolidamente installato dentro di noi. Così il libro, il manuale, diventa uno specchio del disagio contemporaneo nel segno della società, quella da cui sempre si occupa l’autore, specialista dell’azzardo delle mafie nel pallone e di ogni albore di legalità.

Il libro (180 pagine, Erudita editore, 16 euro di costo) è richiedibile all’autore a prezzo scontato e disponibile sulle principali piattaforme librarie.