CiociariArte, la nuova “creatura artistica” di Luigi Vacana

163

Con CiociariArte Domenica 9 settembre inizia un nuovo viaggio artistico nel Frusinate. Un evento ancora una volta partorito dal vulcanico presidente del consiglio provinciale Luigi Vacana.

L’arte con gli artisti viaggia con le sue molteplici espressioni e fa tappa in diversi centri del territorio. All’appello di Luigi Vacana hanno risposto numerosi artisti, il cui elenco è visibile nella locandina. Sicuramente nel cammino di quel “Continua” visibile con le tappe si uniranno nel viaggio tantissimi altri artisti.

CiociariArte è la “nuova figlia” del Vacana, che nel valorizzare gli artisti e le artiste, valorizza anche i centri, i borghi, i paesaggi. Un evento che ci permetterà di andare alla scoperta di quello che ci circonda.

Va chiarito che oggi il termine Ciociaria viene impropriamente usato per definire geograficamente l’area intera della provincia di Frosinone. In realtà, storicamente, i confini della Ciociaria sono diversi. Il capolavoro letterario di Alberto Moravia “La Ciociara” attraversa i luoghi “storici” della Ciociaria. Il Vacana, che è cresciuto con il latte e la cultura, lo sa bene, ma ha usato il topos entrato nell’immaginario collettivo.

La prima tappa è Cervaro, un piccolo borgo nell’area sud della provincia di Frosinone, nell’area del Cassinate.

L’origine del nome Cervaro è avvolto nel mistero di più leggende,una ritiene che il fondatore sia Enea, sbarcato a Gaeta, litorale pontino, si sia diretto verso l’interno fondando diversi borghi. “Acerba ara” è invece un’altra leggenda, un giovane patrizio fu ucciso e sepolto in una zona aspra detta Acerba ara, da qui Cervaro. La terza è quella di un cervo bianco, che è stato raffigurato nello stemma del comune. Se le origini del nome viaggiano incerte, certo invece è che Cervaro, i suoi abitanti hanno scritto importanti pagine di resistenza durante la seconda guerra mondiale. Cervaro è Medaglia d’oro al valore civile. Dominata Cervaro da un colle Aquilone, un detto popolare dice che quando è circondata dalla nebbia arriva la pioggia.

E allora Domenica 9 settembre fornitevi tutti di scarpette da ginnastica e macchinetta fotografica. Vi serviranno senza dubbio per scoprire il centro storico di Cervaro nonché gli artisti e le artiste che lo animeranno con creatività.