Favola: Sorriso e la scuola cinofila

48

Questa storia nasce nelle colline di Is Meris, ridente villaggio di Quartu, dove colonie feline vivono in perfetta libertà tra cespugli di cisto, di lentischio, tra i profumi di rosmarino e tra gli alberi una multitudine di tortore svolazzano allegre.
In questo contesto armonioso viveva benissimo anche una famiglia di cani burloni.
Il cane capo famiglia di nome faceva Artaria, basso al punto giusto da sentirlo come un problema, sempre critico, sempre guardingo e pauroso del giudizio della gente e degli altri cani, ahimè fece coppia con una bella cagnolina tutta pepe e vitalità.

E allora?

Coppia strana, lui posapiano e grande rompiballe, lei un vulcano, pensa dieci cose e ne fa cento.
Lei di nome fa “Fazzutottudeu” (tradotto dal sardo vuol dire -faccio tutto io-), il nome parla da sè.
Artaria e Fazzutottudeu hanno allargato la famiglia dove gia’ c’era Rompina, poi arriva Sorriso.
Sorriso il suo nome, perché nacque sorridendo al mondo, nonostante il mondo la pose davanti a problemi di salute di non poco conto.
Sorriso soffriva di una tosse stizzosa che, non si capiva perché, dava fastidio agli altri cani del circolo giovanile di Flumini.

I genitori la portarono da vari veterinari, provarono tanti sciroppi, fece molti antibiotici con l’aerosol, ma non risolsero il problema.

Andarono persino a chiedere un consulto alla “Grande Scuola Veterinaria the Dog International”, dove Antonello grande saggio, formava scuola di giovani veterinari che salvavano vite a piccoli animali domestici.
Sorriso imparava con calma nonostante la tosse la tormentasse.
Alla scuola cinofila maestro Roberto ce la metteva tutta per dare i buoni insegnamenti a Sorriso, ma questa società quantifica tutto con quiz con risposte a tempo scandito da tremende clessidre…….
Comunque, altri figuri si aggiravano in quella scuola cinofila di Flumini.
Il tempo passava, ma Sorriso non stava al passo con gli altri cuccioli a causa della tosse tremenda, la piccola soffriva di questa situazione.

Vogliamo parlare dei genitori?

Artaria per proteggere Sorriso voleva tenerla nel suo parco….tutta la vita con lui….
Fazzutotudeu aveva le orecchie che fumavano per via
dell’ atteggiamento di Artaria, che per non affrontare la realtà tendeva a “rinchiudere” la sua figliola.
Alla scuola cinofila…..i soliti disfattisti pur di sbarazzarsi della cagnolina che tossiva la volevano promuovere….senza considerare che la tosse, avendo tolto energie alla cucciola, le avevano tolto anche la possibilità di diventare agile, degna di fare gare nei vari circoli e Fazzutottudeu prese in mano la situazione……..
Per il bene di Sorriso, si doveva ripetere il corso in modo che la cagnolina “forse” più tranquilla non avesse più tosse, potendo imparare tutto ciò che facevano gli altri amici.
I “grandi” cani si arruffarono……

Chi vinse la battaglia?

Fazzutottudeu, ne uscì ammaccata ma vittoriosa……
Artaria stava nelle retrovie a seguire lo spettacolo.
Sorriso si trovò tanto bene nel nuovo corso cinofilo…. tanto che le passò pure la brutta tosse.
Vinta una battaglia….ma non la guerra.
Sorriso, sculettava felice in quel villaggio di Flumini, con la sua “dolce” famiglia.
Fazzutottudeu pensava….pensava……che la sua famiglia era proprio unica…..mentre sceglieva in merceria i fiocchetti sfiziosi da far indossare alla sua piccolina.
Bye, bye!!!!!