La dittatura bislacca del Turkmenistan. Un regime dittatoriale si sa, tende a trasformare una Nazione a immagine e somiglianza di chi la instaura. Il caso della dittatura bislacca del Turkmenistan è alquanto estremo. Il Turkmenistan è uno Stato dell’Asia centrale confinante con l’Afghanistan, l’Iran, il Kazakhstan e l’Uzbekistan, e fino al 1991 ha fatto parte dell’Unione Sovietica.

Dopo il crollo dell’URSS, nel Paese è stata instaurata una dittatura monopartitica fortemente personalistica, fondata come per gli altri paesi dell’area, dall’ex capo locale del sistema sovietico Saparmyrat Nyýazow, che ha detenuto la carica vitalizia di Presidente assoluto fino alla sua morte, avvenuta per infarto il 21 dicembre 2006. In base alla Costituzione, il Capo dello Stato e di Governo è vitalizio e detiene poteri esecutivi, legislativi e giudiziari diretti. L’unico partito esistente è il Partito Democratico del Turkmenistan, che raccoglie politicamente tutto il popolo Turkmeno. Ma qui viene il bello.

Volete saperne di più su cosa rende speciale la dittatura bislacca del Turkmenistan?

Stiamo parlando di una dittatura improntata sulla filosofia: i ruhnama. Di che si tratta? E’ il libro d’oro dove lo stesso Nyýazow ha scritto le proprie idee politiche e filosofiche. Che cosa c’è di strano fino a qui? Nulla se non fosse che il simpatico dittatore impone lo studio di questo libro a tutti quanti abbiano intenzione di accedere a qualsivoglia carica pubblica nel paese. Il messaggio principale veicolato da questo testo è che il Turkmenistan deve preservare le usanze che fanno parte della storia e della cultura del paese. Non sempra così male no? Insomma… Qui non parliamo di monumenti, quadri o preghiere. E’ proibito tagliarsi i capelli o la barba in ogni modo che non sia quello classico. Questo è nulla. E’ vietata la diffusione di musica e libri che siano esterni al Turkmenistan. Beh ecco qui ci avviciniamo a caratteristiche tipiche della dittatura.

Ma la dittatura bislacca del Turkmenistan lo è anche per molti altri precetti strambi contenuti nel libro d’oro.

CONTINUA A LEGGERE