La protesta dei Gilet gialli mette “in ridicolo” gli italiani

93

Anche se non vivete in Francia, la protesta dei Gilet gialli o “gilets jaunes” sarà sicuramente arrivata alle vostre orecchie.

La protesta organizzata dal movimento soprannominato dei “Gilet gialli” – in quanto i suoi promotori e attivisti indossano la casacca gialla che siamo obbligati ad indossare in caso di avaria dell’auto che ci costringe ad uscire dalla stessa – ha confermato ancora una volta due cose. Che in Francia le proteste le sanno fare (del resto lì si è consumata la prima rivoluzione della storia) e che in Italia non siamo più abituati a scioperare.

Già, perché a partire dagli anni ‘90, noi italiani siamo sempre più caduti nel letargo, nella pigrizia. L’arrivo dei Social ha fatto il resto, avendo finito per scaricare tramite un post su Facebook la nostra indignazione.

Abbiamo sì di tanto in tanto inscenato qualche manifestazione, con un cospicuo numero di aderenti, ma di fatto si sono rivelate per di più sfilate. E poche volte violente (in genere a causa di infiltrati e facinorosi neanche coinvolti nella causa, per di più stranieri).

In Francia, invece, le manifestazioni le sanno fare. Eccome. Durano giorni, sono violente e in genere ottengono ciò che vogliono. Così come accaduto con quella organizzata dagli Gilet gialli, che ha comportato un calo del presso sia di benzina che di gasolio. Invertendo la situazione che invece voleva il Governo di Macron disposto ad imporre nuove tasse, con il conseguente aumento dei prezzi.

Non solo, la protesta dei Gilet gialli ha fatto proseliti anche in altri Paesi.

Per ora Belgio, Germania e Bulgaria. Il che ci rende ancora più ridicoli, se si confronta il prezzo della benzina in questi paesi rispetto al nostro. Ecco uno sconfortante confronto.

CONTINUA A LEGGERE