Magie Tiburtine: Santuario di Quintiliolo

177

Esaltazione pura davanti al Santuario della Madonna di Quintiliolo, a Tivoli. Ma anche tanta serenità trasmessa magicamente ai tuoi neuroni, che magari fino a poco prima stavano viaggiando su altre galassie intellettive.

Sì, non si può restare indifferenti, mentre lo guardi.

Questo Santuario è ubicato a nord-est di Tivoli, poco distante dal Centro Storico, ed è adagiato sul declivio di un colle colmo di alberi d’ulivo. Il nome Quintiliolo, così particolare, sembra avere origine dalla gens romana dei Quintilii; in questo territorio, infatti, c’era la villa, diciamo delle vacanze, del console romano Quintilio Varo – al margine dei cui resti fu costruita la struttura ecclesiale, seguita dal monastero benedettino.
Il Santuario è dedicato alla immagine, dipinta su tavola, della Vergine Maria, ritrovata, secondo quanto raccontato e tramandato ai posteri, da un contadino, poi fatto santo con il nome di Isidoro, che lavorava la terra con l’aratro trainato dai buoi, i quali si sarebbero inginocchiati davanti al ritratto spuntato dai solchi della terra appena arata.

Questa la leggenda.

Da un punto di vista storico, invece, l’immagine sacra risulta che sia stata donata dai Benedettini di Subiaco a quelli di Tivoli, non essendo un caso che il racconto sopraddetto ne ricorda uno analogo, avente ad oggetto l’edificazione del Santuario della Santissima Trinità sul monte Autore – in quel caso i buoi precipitarono in un burrone e furono salvati dall’intervento divino, invocato dal padrone degli animali.
Ristrutturato nella prima metà del XVIII secolo, il Santuario spicca sul piazzale antistante, ed esternamente presenta uno stile neoclassico, al cui lato sinistro – per chi guarda da Tivoli – si eleva un campanile, che si affaccia sull’intero circondario, contrassegnato dalle ex cartiere e dal Santuario di Ercole Vincitore.

Al proprio interno, caratterizzato da una sola navata e due cappelle ai lati, sull’altare maggiore si trova il simbolo del Santuario: l’icona della Madonna di Quintiliolo, immagine sacra risalente alla prima metà del XIII secolo, venerata dai Tiburtini, che raffigura la Vergine Maria in trono che sorregge il Bambino Gesù col ginocchio sinistro.
Tutti gli anni, per la precisione la prima domenica di maggio, la figura è portata in processione dal santuario fino alla cattedrale di San Lorenzo, nel cuore del Centro Storico cittadino, dove vi rimane fino a l’8 settembre, data in cui fa ritorno al Santuario di Quintiliolo.