Sotto tiro

42

Edo fa zapping, tanto per far uscire dai gangheri la convivente. Gli piace stuzzicarla, vederla accigliare per poi coccolarsela mentre lei tiene duro per poi cedere rovinosamente.

“Dovunque giri, l’argomento è sempre lo stesso.” Gli dice.

Edo rallenta, cerca di cogliere il nocciolo dei discorsi. Almeno quattro emittenti su sette parlano dell’autodifesa.

“Invece di inneggiare alle armi, perché non pensano a far rispettare le leggi che già ci sono?”

“Perché Giulia nessuno ci guadagna, con le armi invece fanno affaroni.”

“Le solite lobby. Maledetti. Ci tengono in vita solo per il consumo dei loro prodotti. Ma che gioco deficiente è questo?”

Dal corridoio sbuca la canna di un mitra in plastica che li tiene sotto tiro.

“Mamma, papà mani in alto. Trump, trump, trump. Siete morti.”