06:50

22

06:50

Che ne sanno delle volte in cui ho preso uno straccio tra le mani e l’ho legato intorno ai polsi
e stringevo così forte da non sentire più rimorsi,
perché la rabbia è un’onda troppo forte che stravolge tutto
che ti porta a riva con i segni incisi sul busto.
Che ne sanno di quei giorni dove vuoi solo scomparire,
hai deciso di non vivere e di rimanere a letto perché tu non sai mentire,
non possono vederti con una lacrima sul viso,
ma è con le urla addosso che ti strappano il sorriso.
E se trovi forza per camminare fai l’errore di guardarti,
ci ricaschi come un tossico che consuma i suoi guadagni
in qualcosa che odia e gli procura paranoia,
ma non sente il corpo e solo in ‘sta condanna s’innamora.